Privacy Policy politicamentecorretto.com - Associazione Pugliese di La Plata

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Associazione Pugliese di La Plata

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Il 28 novembre scorso nella sede dell’Associazione Pugliese di La Plata si sono riunite le associazioni, i circoli e i centri pugliesi attivi in Argentina. Convocato dal presidente dell’Associazione Pugliese Nicolas Moretti e dal presidente del Centro Famiglia Pugliese di Mendoza, Gianni Zaccaría, l’incontro aveva come obiettivo principale quello di informare i presenti sui risultati dell’ultima riunione del Consiglio Generale dei Pugliesi nel Mondo, tenutosi a Bari il 21 e il 22 ottobre scorsi, e quello di sviluppare nuove proposte, strategie ed azioni future comuni.
Oltre a Moretti e a Zaccaría, all’incontro hanno partecipato le delegate dell’Unione Molfettese Argentina- Città Autonoma di Buenos Aires (UMA) Teresa Vizzarri ed Adriana Favorito, il delegato dell’associazione Regione Puglia di Córdoba Liuzzi Jr, il presidente dell’associazione Pugliese Cento Patrie Una Terra –Wilde, Victoria Blassi, Nicolás Pagliuca e il presidente Luciano Cappelletti del Centro Famiglia Pugliese di San Nicolás, il presidente del Centro Pugliese di Mar del Plata, Sergio Patruno, e la presidente del Centro Pugliese di Bahía Blanca Marisa Bevars. Tra la delegazione composta da commissioni direttive e giovani erano invece presenti Natalio Battaglia dell’associazione Pugliese di Buenos Aires, Alejandra Marzocca dell’associazione Pugliese di Bahia Blanca, Jorge Natoli del Centro Pugliese di Mar del Plata, Juan Contursi di Mendoza, Liliana Moretti, Alejandra Compagnucci e Maria Cristina Martinez di La Plata, German Tuymans dell’UMA di Buenos Aires, Pablo Franco D’Adamo di San Nicolas, Sebastián J. Chinigo, Antonella Moretti; Zarina Surache e Nicolás Moretti Jr. dell’Associazione Pugliese di La Plata.
Nel corso dell’incontro, due tavoli di lavoro composti dal gruppo di giovani e di adulti hanno realizzato una diagnosi della realtà attuale e, mettendone a fuoco i punti di forza, hanno proposto progetti e nuove strategie per lo sviluppo di possibili azioni finalizzate ad una crescita delle associazioni sul territorio.
I tavoli di lavoro hanno evidenziato la necessità di creare un sistema informativo permanente e fluido che utilizzi le nuove tecnologie, nonché un rafforzamento della comunicazione tramite l’impegno dei consiglieri.
È stata, inoltre, manifestata l’intenzione di consolidare, attraverso la Federazione, i ponti e i corridoi produttivi, turistici e culturali tra la Regione Puglia e le associazioni argentine, di dare impulso alla promozione della Regione Puglia nel territorio argentino attraverso viaggi di scambio, di promuovere il Made in Puglia e l’internazionalizzazione con gli enti pubblici e privati, i centri di formazione, di ricerca, le ONG, imprese e camere di commercio. Azioni queste, da portare avanti con il coinvolgimento delle nuove generazioni.
Il consigliere del Consiglio Generale della Regione Puglia nel Mondo Nicolás Moretti, e Gianni Zaccaria del Centro Famiglia Pugliese di Mendoza hanno infine evidenziato la necessità di lavorare con intelligenza, in comune, creando un sistema di azioni strategiche coordinate tra le distinte Regioni dell’Argentina e con la Regione Puglia.
"Vogliamo lavorare in linea con la legge "Interventi a Favore dei Pugliesi nel mondo", hanno chiarito Moretti e Zaccarìa durante l’incontro. "Lavoreremo sulle decisioni prese in questa riunione, con azioni finalizzate all’arricchimento delle nuove generazioni senza dimenticare il vero sentimento emigratorio dei nostri antenati. Un legame che vogliamo mantenere saldo", spiegano, "perché sono le radici profonde che costituiscono la nostra propria identità".
Al termine dell’incontro è stato elaborato un documento finale che sarà consegnato alla presidenza del CGPM e alla Regione Puglia.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)