Privacy Policy politicamentecorretto.com - Benessere animale: i cani non si trasferiscono da un canile ad un altro come fossero spazzatura! Dal ministero della Salute una risposta chiara alla vicenda dei cani in Basilicata

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Benessere animale: i cani non si trasferiscono da un canile ad un altro come fossero spazzatura! Dal ministero della Salute una risposta chiara alla vicenda dei cani in Basilicata

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento della sen. Donatella Poretti, Radicali-Pd, segretaria commissione Igiene e Sanita'

Risposte chiare ed inequivocabili, che confermano quello che, insieme a senatori di altri gruppi politici, sosteniamo da sempre: il trasferimento in Calabria di 420 cani della Basilicata voluto dalla ComunitMontana Alto Agri, un atto illegittimo ed una scelta incompatibile con la vita degli animali. E' questo il primo commento alle risposte fornite dalla sottosegretaria Francesca Martini, Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali alle due interrogazioni presentate nei mesi scorsi e sottoscritte da Parlamentari del Partito Democratico e del Popolo della Libert (1).
Nelle risposte (2) agli atti ispettivi, il Ministero afferma di condividere pienamente i timori circa la tendenza di alcune Amministrazioni di trasferire cani ospitati presso canili in altre localit poste fuori dal territorio della propria regione, nell'intento di demandare cos ad altri la responsabilit degli animali. Infatti, sradicare un cane dal suo territorio, non per l'adozione, e dunque per una collocazione in un contesto familiare, ma solo per trasferirlo in un'altra struttura (e non certo, sottoliniamo noi, per salvargli la vita), sottoponendolo anche allo stress del viaggio, non risponde a quanto previsto dalla normativa vigente in materia n ai pi elementari principi di rispetto per il benessere degli animali: in contrasto evidente con la Legge 14 agosto 1991, n. 281 (legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo): questo testualmente afferma il Governo.
Inoltre nella risposta alla seconda interrogazione che abbiamo presentato, il Ministero ricorda la serie di iniziative rivolte ad evitare il trasferimento degli animali, con ripetute, puntuali note inviate al Presidente della Regione, all'Assessore alla Salute, al Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria di Potenza. In tali occasioni veniva evidenziato come la Regione Calabria abbia tuttora problemi irrisolti in materia di randagismo canino e gestione dei canili; in particolare, si ribadiva che i Sindaci dei territori di provenienza dei cani rimangono sempre responsabili degli animali e che il trasferimento ad altra sede comporterebbe notevoli difficolt anche per le verifiche ed i controlli periodici da svolgere da parte delle Asl del luogo di provenienza. Nella nota del 22 luglio 2009, il Ministero ribadiva la contrariet alla pratica del trasferimento dei cani in altre localit, sottolineando il rischio dello stress psico-fisico, e dunque quel patimento che la letteratur
 a
giuridica della Corte di Cassazione indica da tempo come estremo di maltrattamento, cos riconosciuto e sanzionato dall'art. 544 ter del Codice penale.
La vicenda dei cani della Basilicata,  divenuta emblematica a livello nazionale come piena violazione della normativa per la tutela degli animali da affezione e la Regione, le Autorit Sanitarie competenti, la Comunit Montana Alto Agri, oggi organismo ormai appartenente al passato, devono prendere atto della illegittimit del trasferimento stesso, assumendosi le proprie responsabilit e facendo i passi necessari per rispettare la legge ed il benessere degli animali.

(1) http://blog.donatellaporetti.it/?p=621

(2) http://blog.donatellaporetti.it/?p=1075

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)