Privacy Policy politicamentecorretto.com - Matrimonio gay: una speranza da Firenze

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Matrimonio gay: una speranza da Firenze

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento dei senatori Donatella Poretti e Marco Perduca, Radicali-Pd

 

"Il diritto alla felicita'" e' questo il motivo che ha spinto Massimo Ridolfi e Emanuele Bambi il 17 settembre del 2008 a chiedere al Comune di Firenze le pubblicazioni per il loro matrimonio, incominciando un cammino per vedere riconosciuta la parificazione dei diritti tra le coppie dello stesso sesso. Da quel giorno un iter giudiziario seguito dagli avvocati della Rete Lenford (Roberto Vergelli, Francesco Billotta e Saveria Ricci) ha portato ad ottenere una remissione alla Corte Costituzionale da parte della Corte d'Appello con sentenza n.349/2009 (decreto 13/11/09, depositato il 3/12/09).
Nel corso di una conferenza stampa tenutasi stamani a Firenze, l'Associazione Radicale Certi Diritti e l'Avvocatura per i diritti LGBT-Rete Lenford, hanno espresso la speranza che da questa citta' possa partire il riconoscimento di questo diritto. Salgono cosi' a quattro le ordinanze di remissione alla Corte Costituzionale: Firenze,  Venezia, Trento e Ferrara. Sempre a Firenze altre due cause devono andare in Cassazione.
Al Senato, fin il primo giorno della legislatura, abbiamo presentato il ddl n.594 (1) per eliminare quegli ostacoli del Codice Civile (sostituendo i termini marito e moglie con coniugi) perche' si possa riconoscere parita' di diritti e uguaglianza davanti alla legge senza discriminazioni di orientamento sessuale. Una legge che non toglie diritti a nessuno, che non va contro nessuno perche' aggiunge diritti. Il matrimonio civile e' un istituto giuridico non sostituibile, ne' vicariabile da altri, e solo con l'accesso anche delle coppie dello stesso sesso verrebbe rispettato e applicato il principio di eguaglianza e pari dignita' sociale di tutti i cittadini sancito dalla Costituzione.
La Corte Costituzionale dovrebbe pronunciarsi nell'ottobre del prossimo anno, nel frattempo altre coppie stanno avviando l'iter giudiziario. Pronunciamenti di piu' tribunali, articoli e approfondimenti giuridici potrebbero creare quel clima utile affinche' la pronuncia della Consulta risponda alla carta Costituzionale piu' che alle pressioni politiche cui inesorabilmente verra' sottoposta.
L'avv. Vergelli riassume i tre punti, e quindi i tre articoli della Costituzione su cui la Corte d'Appello chiede un pronunciamento alla Consulta: il diritto a sposarsi e' costituzionalmente riconosciuto indipendentemente dall'orientamento sessuale dei coniugi (art.2); negare l'accesso all'istituto matrimoniale a due persone dello stesso sesso potrebbe configurarsi come una discriminazione illegittima (art.3); il diritto privato (come il ricorso ad un atto notarile) non darebbe stessi diritti e doveri del matrimonio (art.29).

(1)
http://www.senato.it/loc/link.asp?tipodoc=DDLPRES&leg=16&id=311613

Invia commento comment Commenti (0 inviato)