Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini interviene in aula sulla cittadinanza “Negare la cittadinanza significa fare prevalere la paura”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini interviene in aula sulla cittadinanza “Negare la cittadinanza significa fare prevalere la paura”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

“Negare il fenomeno dell’immigrazione non porta a nulla. Dobbiamo gestirlo nel migliore dei modi”. E’ quanto ha affermato l’on. Laura Garavini intervenendo in aula nel corso della discussione della proposta di legge sulla cittadinanza presentata dal centrodestra e all’esame della Camera dei deputati. “E’ significativo che mentre il più potente paese del mondo un anno fa ha eletto Presidente il figlio di un immigrato (gli Stati Uniti con Obama)”, ha sottolineato la deputata Pd eletta nella circoscrizione estero “da noi una parte della maggioranza ha difficoltà a trattare come italiani i figli che nascono in Italia, crescono con la lingua e la cultura italiana, frequentano scuole italiane e da grandi vogliono dare un contributo all’Italia”. 
Dopo avere sottolineato il realismo con il quale i grandi paesi europei hanno dimostrato di sapere  gestire il fenomeno dell’immigrazione, la Garavini ha affermato che, al contrario,  “l’Italia del Governo Berlusconi dimostra di volere governare la nuova realtà con la paura”. Da italiana residente all’estero la deputata Pd ha, inoltre,  ricordato che “ci siamo battuti per essere accettati nei nostri paesi di residenza come cittadini “normali”, ci siamo battuti affinchè i nostri figli avessero ed abbiano pieni diritti nei paesi in cui sono nati, cittadinanza inclusa. Ecco perché”, ha concluso la Garavini “ voglio che venga dato ai migranti in Italia ciò che noi migranti italiani abbiamo chiesto per anni a gran voce. Ciò che era ed è giusto per i migranti italiani all’estero, è giusto anche per i migranti stranieri in Italia”.


Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 22 Dicembre, 2009 20:23:37
    Sicuramente nessuno gli ha risposto.Io gli avrei risposto: di quali immigrati parla? di quelli Europei che da una parte dell´Europa vanno in un altro Stato europeo ? o chi proviene fuori dell´Europa Unione?.Ecco ci spieghi come trattano questi gli altri Stati Europei. Al caro amico Carmine consiglierei di aggiungere del dentifricio per qualche venditore di bugie.
  • Inviato in data Carmine Gonnella ( Londra) , 22 Dicembre, 2009 15:26:53
    ONOREVOLA CARISSIMA ..Lei sta cercando di lavare la testa all'asino con acqua e sapone...