Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Dio, mio Dio, ne valeva la pena?"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Dio, mio Dio, ne valeva la pena?"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Io credo che il teologo Vito Mancuso sia sulla via dell'ateismo. Nel nuovo libro "La vita autentica" torna a ripetere la sua idea del Principio Ordinatore impersonale. Così scrive a pag. 163: "La legge che presiede al farsi del mondo non è pensabile come provvidenza personale, bensì come logica impersonale che nel tendere all'armonia non si cura dei singoli. So bene che per qualcuno, abituato a pensare in termini di provvidenza personale, questa concezione può risultare fredda e inaccettabile, ma non se la deve prendere con me, bensì con chi ha stabilito che le cose del mondo debbano andare così. E che vadano così non ci sono dubbi: basta aprire gli occhi e guardare, a partire dagli oltre ottomila bambini che ogni giorno vengono al mondo segnati da una delle migliaia di malattie genetiche, fino a incidenti, fatalità, malattie, sciagure naturali che colpiscono come capita, senza guardare in faccia nessuno". Quando Vito Mancuso comincerà seriamente a chiedersi per quale motivo il Creatore avrebbe "stabilito che le cose del mondo debbano andare così"; per quale motivo questo sarebbe l'unico dei mondi possibili; e se lo è, perché non abbia fatto a meno di crearlo, quando si farà seriamente queste domande, allora diventerà ateo. All'origine di tutto, anche del male di questo povero mondo, ci sarebbe sempre Dio, e quindi la sua responsabilità. A qualcuno potrò sembrare sfrontata, forse blasfema, ma io, davanti alla sofferenza atroce di un solo bambino, a Dio autore del Principio Ordinatore impersonale, non posso fare a meno di chiedere: "Dio, mio Dio, ne valeva le pena?".
 Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data elisa b., 08 Gennaio, 2010 18:56:42
    ti invito ad avvicinarti al pensiero vertiginoso di Emanuele Severino. Ciao
  • Inviato in data Carmine Gonnella , 03 Gennaio, 2010 14:30:10
    Non disperi la secolarizzazione e' vicina.