Privacy Policy politicamentecorretto.com - On. Franco Laratta: “Zone Franche Urbane. Il Governo ci ripensa e cancella i vantaggi. Situazione grave, anche per le ZFU calabresi”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

On. Franco Laratta: “Zone Franche Urbane. Il Governo ci ripensa e cancella i vantaggi. Situazione grave, anche per le ZFU calabresi”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Il deputato del Pd , on Franco Laratta, ha incontrato alcuni imprenditori della zona di Rossano (una delle ZFU della Calabria). Al termine dell’incontro, l’on Laratta ha rilasciato la seguente dichiarazione: - “Il Ministro Scajola, dopo la firma sui decreti l’avvio delle prime 22 Zone Franche Urbane, ha smentito se stesso approvando con il decreto ‘Milleproroghe’ del 29 dicembre 2009, una sostanziale modifica al sistema di incentivazione già autorizzato dalla Commissione Europea. Nella prima stesura normativa, infatti, le piccole imprese operative dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2012 nell’avviare una nuova attività economica all’interno delle zone franche urbane potevano sperare di ottenere l’ esenzione dalle imposte sui redditi per i primi cinque periodi d’imposta ( per i successivi, l’esenzione era limitata per i primi cinque al 60%, per il sesto e settimo al 40% e per l’ottavo e nono al 20%). E ancora: l’esenzione dall’IRAP, per i primi cinque periodi d’imposta, fino alla concorrenza di € 300.000, per ciascun periodo di imposta, del valore della produzione netta; l’ esenzione dall’ICI, a decorrere dall’anno 2008 e fino all’anno 2012, per i soli immobili siti nelle zone franche urbane dalle stesse imprese posseduti ed utilizzati per l’esercizio delle nuove attività economiche; infine, esonero dal versamento dei contributi previdenziali.    Oggi, invece, con il decreto ‘Milleproroghe’, sono state apportate modifiche sostanziali: l’agevolazione fiscale è stata trasformata in semplice contributo; le imprese che si andranno ad installare nelle zone franche urbane non avranno alcuna esenzione dalle imposte dirette e dall’IRAP; nemmeno quelle già installate  potranno aspirare ad ottenere i suddetti benefici IRPEF ed IRAP che, peraltro, erano fruibili nell’ambito del c.d. regime del de minimis.   Rimangono soltanto i contributi per l’ICI, mentre  i contributi previdenziali dovuti sulle retribuzioni da lavoro dipendente,  potrebbero non essere “automatici”, come originariamente previsto, ma richiedere il preventivo assenso. Inoltre, all’erogazione dei suddetti contributi dovranno provvedere i singoli Comuni, nei limiti delle poche risorse finanziarie individuate dalla delibera CIPE n. 14/2009 dell’08 maggio 2009. Ecco, quindi, cosa rimane delle Zone Franche Urbane che avrebbero dovuto rappresentare un’importante novità, sebbene il numero limitato delle zone interessate creare alcune distorsioni e altrettante disparità nelle zone vicine.        Molte delle ZFU sono nel Sud, alcune anche in Calabria. Ora il governo si dimostra sempre più insensibile ai problemi delle aree difficili .

E’ importante che, nel corso dei lavori parlamentari di approvazione del decreto, vengano ripristinate le agevolazioni fiscali IRPEF ed IRAP, altrimenti le zone franche rimarranno l’ennesimo fallimento di un governo che promette. Promette soltanto. 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)