Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il processo breve torna in Commissione e non ci sarà un decreto blocca-processi. Vittoria del PD

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il processo breve torna in Commissione e non ci sarà un decreto blocca-processi. Vittoria del PD

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Finocchiaro: "Schifani si è dovuto arrendere all'evidenza, ma il provvedimento resta inaccettabile". Niente decreto blocca processi, il governo fa retromarcia. E alla Camera governo battuto su mozione PD per il sud
 
Il processo breve vine sospeso e ritorna in commissione e non ci sarà nessun decreto blocca processi all'esame del Consiglio dei ministri.
Bersani ieri l'aveva annunciato: "Il PD si metterà di traverso". Così il treno dell'impunità tra emendamenti e sospensive richieste dal PD, oggi è deragliato sia in Senato sia alla Camera, dove la mozione PD per il mezzogiorno è stata approvata contro il parere del governo.
Anna Finocchiaro, presidente del gruppo del Pd, parla di decisioni che "segnano il rispetto delle regole e costituiscono una bella vittoria delle opposizioni, e in particolare del gruppo del Pd, visto che ieri abbiamo combattuto tutto il giorno per questo. Certo, il provvedimento resta inaccettabile".

"La sospensione e il ritorno in Commissione del processo breve, che verrà votato dall'aula a questo punto solo la prossima settimana, è molto importante - ha proseguito Anna Finocchiaro - La richiesta di sospensione è stata peraltro da noi avanzata per un giorno intero, ma il Presidente Schifani non ha voluto concedercelo, fino a quando, ieri sera, si è dovuto arrendere all'evidenza. Perché importante? Perché la maggioranza ha presentato un testo sul processo breve assolutamente nuovo in aula, un testo che non è stato esaminato dalla commissione giustizia, con un assoluto svilimento del ruolo del Parlamento, ma anche della possibilità dell'opposizione di avere una cognizione piena dei contenuti e degli impatti e di affrontare in una discussione vera, anche tecnica, questa nuova formulazione del testo. Il fatto di essere tornati in commissione è dunque una bella vittoria dell'opposizione, e in particolare del gruppo del Pd".

Ora la commissione avrà la possibilità di esaminare questa nuova versione del testo al quale spiega la capogruppo "noi ovviamente presenteremo molti, molti emendamenti, perché così com'è non ci soddisfa e non ci convince affatto. La vittoria più grande è che il Parlamento ha avuto la possibilità di discutere e non solo di soggiacere ad una imposizione. Certo, rimaniamo sempre contrari al provvedimento, sia per il merito e per le norme che servono a salvare ovviamente Berlusconi dal processo Mills, ma anche per il resto che è stato aggiunto che è assolutamente non condivisibile. Hanno ovviamente eliminato alcune procedure che erano anticostituzionali che gli avrebbero 'segato' il provvedimento. Non lo hanno fatto per il nostro bene, che sia chiaro, ma ovviamente hanno mantenuto una norma ritagliata sul processo Mills. Ora francamente questo non è accettabile. La norma transitoria di questo provvedimento - sottolinea ancora Anna Finocchiaro - è ritagliata esattamente su misura sui processi del premier ed è peraltro una norma indigesta anche a parte del Pdl. Oggi Vietti, ex sottosegretario ed esponente autorevole dell'UDC, dice in un'intervista che a questo punto neanche il legittimo impedimento li troverà più d'accordo perché la maggioranza è ormai alla ricerca spasmodica di uno scudo per Berlusconi, con una legge che crea ovviamente una situazione di favore per il premier ma che rischia di avere un effetto molto grave sul sistema e quindi sul servizio della giustizia per tutti i cittadini, in particolare alle parti offese in moltissimi processi".

Nessun decreto blocca-processi, sentenza della Corte immeidatamente applicabile. Come sosteneva il PD. A comunicarlo ufficialmente alla conferenza dei capigruppo del Senato è stato questa mattina il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Elio Vito, spiegando come nella giornata di ieri effettivamente ci sono stati dei ragionamenti in tal senso, poi subito accantonati in quanto ''la sentenza della Corte costituzionale è immediatamente applicativa''. Proprio come sosteneva il Partito Democratico.

Sempre la Finocchiaro spiega: "Io penso che il governo alla fine non abbia presentato il decreto perchè le esigenze per far valere la costituzionalità del testo non erano sufficienti a garantire il premier. Ovviamente io penso male, ma ogni tanto ci si prende a pensar male.Non è possibile da una parte auspicare un clima e un dialogo di confronto sulle riforme e dall'altra continuare a mettere le dita negli occhi all'opposizione. Lo voglio dire con molta chiarezza: la responsabilità del clima politico nel Paese è innanzitutto del Premier e della sua aggioranza ".

Mezzogiorno, governo battuto alla Camera da mozione PD.Il Governo è stato battuto alla Camera nelle votazioni sulle mozioni per l'occupazione nel Mezzogiorno.
L'aula ha approvato la parte del documento presentato dal Pd su cui l'esecutivo, con il sottosegretario al Welfare Pasquale Viespoli, aveva dato parere negativo.

L'Assemblea di Montecitorio ha approvato la mozione del Pd con 269 voti a favore e 257 contrari.

"E' merce rara mettere sotto il governo e non volevo far mancare il mio contributo, ma è da capire come questo sia possibile, con una margine in più di 80 - 90 parlamentari , andare sotto alla Camera”. Questo è stato il primo commento del presidente dei deputati del Pd, Dario Franceschini. “D'altra parte il ricorso continuo alla fiducia serve proprio a questo, usare un meccanismo coercitivo oppure la maggioranza fa acqua".

“È la trentacinquesima volta che il Governo viene battuto alla Camera”, ha aggiunto il segretario d’Aula del gruppo democratico, Erminio Quartiani. “Quella di oggi è una doppia bocciatura per l’esecutivo perché non solo è la dimostrazione che la maggioranza è sempre più debole, l’Mpa ha votato contro e più di un quarto di deputati del Pdl era assente dimostrando, ancora una volta, disinteresse per i lavori delle Camere, ma anche perché è la netta bocciatura dell’azione del Governo nel mezzogiorno e del continuo scippo dei fondi Fas al Sud da parte del Ministro Tremonti. Adesso – ha concluso Quartiani - il Governo dovrà reintegrare rapidamente le risorse impegnate del Fondo per le aree sottoutilizzate per destinarle a un programma mirato al rilancio del tessuto produttivo e dei livelli occupazionali del mezzogiorno”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)