Privacy Policy politicamentecorretto.com - Embrioni all'ombra del non senso

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Embrioni all'ombra del non senso

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Ho letto con attenzione la lettera di Melania Rizzoli e la replica di Giorgio Israel (15 e 16 gennaio su Il Giornale), a proposito della decisione del giudice civile di Salerno, dott. Antonio Scarpa, di aver autorizzato una coppia italiana alla selezione genetica embrionale per fecondare un figlio sano. Non sono uno scienziato, e quindi mi guardo bene dall'entrare nel merito dei "discorsi scientifici" contenuti negli scritti, però intendendomi un pochino di religione e di morale, vorrei far osservare ad entrambi gli autori, ma soprattutto a Giorgio Israel, che non esiste solo il diritto dei genitori di procreare bambini non gravemente malati, ma esiste anche il diritto di un bambino a non nascere gravemente malato. Gli errori della natura non sono voluti da Dio (ritenere il contrario significherebbe bestemmiare), e quindi se esiste la possibilità di evitare lo sviluppo di un embrione portatore di gravi patologie, non significa assolutamente andare contro la volontà di Dio. Vorrei ricordare, a conferma,  le parole di Giovanni Paolo II: "Dio non ha creato la morte e non gode per la rovina dei viventi...Il Vangelo della vita, risuonato al principio con la creazione dell'uomo a immagine di Dio per un destino di vita piena e perfetta, viene contraddetto dall'esperienza lacerante della morte che entra nel mondo e getta l'ombra del non senso sull'intera esistenza dell'uomo"  (cf Evangelium vitae n.7). Sull'intera esistenza dell'uomo. Quindi sin dall'inizio.

 

Renato Pierri

Invia commento comment Commenti (0 inviato)