Privacy Policy politicamentecorretto.com - GIORNATA PUGLIESE su FARMACO e PRODOTTI per la SALUTE

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

GIORNATA PUGLIESE su FARMACO e PRODOTTI per la SALUTE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


I EDIZIONE


“Facoltà di Farmacia e territorio: verso il Distretto Tecnologico del Farmaco e dei Prodotti per la Salute”

 

 

Giovedì 28 gennaio 2010 – h. 9,30


Aula 6, Facoltà di Farmacia , Campus Universitario, Via Orabona, 4 – Bari

 

 

Si aggiunge un ulteriore tassello nell’ambito della convenzione tra l’Università degli Studi di Bari e Confindustria Puglia sottoscritta tre anni fa che promuove attività di collaborazione per lo sviluppo del territorio, rispondendo ai bisogni che emergono dal mondo delle imprese pugliesi e del lavoro, improntata ad un'etica che sappia coniugare le potenzialità della conoscenza e dell'innovazione tecnologica.


Confindustria Puglia e l’Università degli studi di Bari “A. Moro”, infatti, con la Facoltà di Farmacia, struttura didattica e di ricerca nelle “Scienze del Farmaco e dei Prodotti per la Salute”, a partire dal 2010 hanno programmato, a cadenza annuale, una giornata pugliese del Farmaco.


Tema della prima edizione che si svolgerà il 28 gennaio alle ore 9,30 a Bari, presso la Facoltà di Farmacia, è la proposta di costituzione  del “Distretto tecnologico del Farmaco e dei Prodotti per la Salute”, secondo la L. R. n. 23/2007.


Questa iniziativa nasce dalla nuova politica intrapresa recentemente dalla Facoltà di Farmacia di Bari, attualmente impegnata a raccordarsi, cooperare e collaborare scientificamente con le realtà industriali  e professionali del territorio che operano nel settore del farmaco per contribuire a sviluppare il settore farmaceutico e per dare impulso allo sviluppo economico ed occupazionale del territorio pugliese. Si è convinti infatti che l’industria del farmaco sia un settore strategicamente molto importante per tre fattori:  l’alto tasso tecnologico dei prodotti; gli elevati investimenti in ricerca e sviluppo; il grande impatto occupazionale, specie in termini di offerta di lavoro specialistico. 


Confindustria Puglia, peraltro, ha già presentato alla Regione numerose proposte di distretti produttivi,  alcune delle quali hanno ottenuto già il secondo riconoscimento dalla Regione. Un’esperienza del tutto inedita per l’imprenditoria locale che sta sperimentando per la prima volta  forme avanzate di aggregazione su precisi progetti di crescita produttiva, tecnologica, gestionale e commerciale volte alla formazione continua, all’internazionalizzazione e all’innovazione.


La giornata del 28 gennaio è quindi  per la Facoltà una giornata storica: rappresenta l’inizio di un percorso nuovo dove tutta la Facoltà unita si apre all’esterno per mettere a disposizione del territorio il notevole bagaglio di conoscenze e tutto il know how didattico e scientifico nel campo del Farmaco e dei Prodotti per la Salute (la produzione scientifica della Facoltà viene raccolta annualmente nell’Annuario scientifico e pubblicato su web www.farmacia.uniba.it). Purtroppo  punto di debolezza del settore del Farmaco in Puglia è la esiguità del numero di imprese nel settore presenti sul territorio pugliese accompagnato dal basso numero di addetti impiegati in esse rispetto al contesto nazionale, appena 700 contro i 70.000 a livello nazionale, e questo comporta di conseguenza una consistente migrazione di laureati della Facoltà di Farmacia di Bari verso altre Regioni. Il Distretto, quale struttura aggregante tra mondo delle Imprese e quello dell’Università e centri di ricerca del territorio, è lo strumento in grado di dare valore aggiunto al settore del Farmaco e di attivare quei processi di aggregazione, di condivisione attrezzature, strumentazioni ed apparecchiature ad alto valore tecnologico, indispensabili ed essenziali nell’espletamento dell’attività di ricerca nel settore del farmaco, di programmazione e quindi di crescita e di sviluppo che consentono di superare i punti di debolezza, attraendo nuovo investimenti.

 


CONFINDUSTRIA PUGLIA

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)