Privacy Policy politicamentecorretto.com - Droghe: sistema nazionale allerta. Una bufala che il Dipartimento antidroga usa come scarica barile

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Droghe: sistema nazionale allerta. Una bufala che il Dipartimento antidroga usa come scarica barile

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Dichiarazione dei senatori Donatella Poretti e Marco Perduca, Radicali-Pd

Dopo aver letto la replica risentita del Prof. Giovanni Serpelloni, Capo Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri (1), alla nostra interrogazione (2-00152 del 20 gennaio) sulla reale esistenza di un "sistema di allerta precoce" (2) formuliamo le seguenti considerazioni:
- innanzitutto, noi avevamo interpellato il Presidente del Consiglio dei Ministri; il fatto che ci risponda Serpelloni dobbiamo intenderlo come conferma che ormai, non solo nel campo delle tossicodipendenze, la burocrazia conta piu' dei politici?
- Serpelloni scrive "Sistema Nazionale di Allerta" senza aggettivi, ma il decreto 23 gennaio 2009, che Serpelloni dovrebbe ben conoscere visto che e' il provvedimento che fissa le sue funzioni, parla di "sistemi di allerta precoce... per l'evidenziazione precoce dei rischi e delle possibili conseguenze rilevanti per la salute della popolazione" (art. 2, comma 6); dobbiamo dedurre che visto che finora la "precocita'" dell'allerta e' una chimera, Serpelloni si e' messo il cuore in pace e ha risolto il problema togliendo semplicemente l'aggettivo?
- Serpelloni scrive testualmente che "... la segnalazione di un numero particolarmente elevato di overdose infauste nell'area torinese da parte di una associazione di volontariato operante nella Regione Piemonte e' giunta per la prima volta al Sistema Nazionale di Allerta dopo che gia' 15 decessi erano avvenuti, con un ritardo di oltre 2 mesi ... Il ritardo nell'attivazione dell'allerta non puo' essere imputato al Sistema nazionale ma, in caso, ad una scarsa sensibilita' informativa dei sistemi e degli osservatori locali oltre che ad una oggettiva difficolta' da parte delle unita' di primo rilevamento di percepire il fenomeno nelle sue fasi iniziali". Piu' chiari di cosi'! E' la dimostrazione che il "Sistema Nazionale di Allerta" (precoce) e' una bufala: e a nulla vale scaricare il barile sugli "osservatori locali" o tentare di buttarla in caciara, accusandoci di denigrare in un colpo solo magistrati, poliziotti, medici e assessori regionali. O fornire grafici che dovrebbero
dimostrare che, una volta partito l'allerta, le overdose sono diminuite; sono diminuite semplicemente perche' c'e' stato un "passaparola" fra consumatori e spacciatori; i primi non vogliono morire, i secondi non vogliono perdere clienti.

Noi non accusiamo l'universo mondo ma puntiamo il dito su Serpelloni, chiedendogli conto di quello che e' tenuto a garantire in base a un decreto emanato dal suo riferimento politico, il sottosegretario Carlo Giovanardi. Se Serpelloni non e' in grado di garantire quello per cui viene pagato, ne tragga le dovute conseguenze.


(1)http://droghe.aduc.it/notizia/droghe+sistema+allerta+precoce+dipartimento+governo_115572.php
(2) http://blog.donatellaporetti.it/?p=1166
 
13.48 28/01/2010

Invia commento comment Commenti (0 inviato)