Privacy Policy politicamentecorretto.com - Scuole materne vietate per i figli degli immigrati non regolari. Violate le norme?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Scuole materne vietate per i figli degli immigrati non regolari. Violate le norme?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

INTERROGAZIONE AI MINISTRI FIORONI E FERRERO

 

Interrogazione dell'on Donatella Poretti parlamentare radicale della Rnp, segretaria della Commissione Affari Sociali e componente della commissione bicamerale per l'Infanzia, ai ministri della Pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni, e della Solidarieta' Sociale, Paolo Ferrero.

Il Comune di Milano ha stabilito che alle scuole materne non potranno iscriversi i figli degli immigrati non ancora regolarizzati. Al di la' del giudizio umano che si possa dare alla questione, xenofoba, razzista o di difesa del proprio patrimonio, politicamente e giuridicamente il nostro Paese non puo' accettare provvedimenti del genere: le leggi sono chiare, cosi' come gli impegni che abbiamo preso a livello internazionale per l'affermazione e la difesa dei diritti dei minori, dovendoli favorire per l'accesso ai servizi educativi.
Lo stabilisce il testo unico in materia di immigrazione (art.28 comma 3 dl 296/1998), li' dove impone che in tutti i procedimenti amministrativi riguardanti i minori, il superiore interesse del fanciullo sia preso in considerazione con caratteri di priorirta'  anche  per le scelte amministrative, politiche gestionali locali e nazionali. Lo stesso art.38 riconosce ai minori stranieri il diritto all'istruzione alla educazione interculturale, stabilendo che "ad essi si applicano tutte le disposizioni vigenti in materia di diritto all'istruzione, di accesso ai servizi educativi, di partecipazione alla vita della comunita' scolastica". Non solo, ma anche l'art. 45 del dpr 394 del 1999 riconosce ai minori stranieri presenti sul territorio italiano il diritto all'istruzione indipendentemente dalla regolarita' di posizione in ordine al loro soggiorno, nelle forme e nei modi previsti per i cittadini italiani. Tutte norme che si rifanno alla convenzione sui diritti del fanciullo del 20 novembre 1989 eseguita in Italia con legge 176 del 1991, nella quale gli Stati si impegnano ad assicurare al fanciullo la protezione e le cure necessarie al suo sviluppo, per prepararlo pienamente ad avere una sua vita individuale nella societa', in uno spirito di pace, dignita', tolleranza, liberta', uguaglianza e solidarieta' e riconoscono il diritto del fanciullo all'educazione quale strumento per raggiungere queste finalita'.
Inoltre appare evidente che impedire a questi minori l'accesso ai servizi essenziali educativi, negando loro scolarizzazione, socializzazione, istruzione ed educazione significa costringerli ad ereditare le "colpe dei padri" e ad essere puniti per esse.
Infine, nonostante la palese illegittimita' della circolare del Sindaco di Milano, plausibilmente nessuno degli interessati promuovera' un'azione giudiziaria innanzi al Tar per sentirne dichiarare l'illegittimita', poiche' cio' significherebbe al contempo autodenunciare la propria presenza in Italia.
Per questo motivo ho rivolto una interrogazione ai ministri Giuseppe Fioroni (Pubblica Istruzione) e Paolo Ferrero (Solidarieta' Sociale), per sapere se intendano intervenire e con quali modalita'.


Il testo dell'interrogazione: http://www.donatellaporetti.it/intg.php?id=774

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)