Privacy Policy politicamentecorretto.com - Dopo 50 anni di attesa, indennizzati i thalidomidici, grazie ad IdV

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Dopo 50 anni di attesa, indennizzati i thalidomidici, grazie ad IdV

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

di Antonio Borghesi

 

Nella nuova finanziaria è previsto, grazie a un emendamento di cui sono primo firmatario, un indennizzosotto forma di assegno vitalizio mensile, per i thalidomidici. Si tratta di persone con varie disabilità soprattutto agli arti (dismelie, amelie, etc.), causate dall'assunzione durante la gravidanza delle madri del principio attivo "talidomide", venduto in Italia ufficialmente dal 1959 al 1962.
Dopo 50 anni di sofferenze di questi soggetti e delle loro famiglie, è finalmente riconosciuto ad essi un giusto indennizzo. Quel farmaco era stato introdotto sul mercato tedesco, con il nome di Contergan, da un’industria farmaceutica, che ne aveva curato la diffusione in diversi altri Paesi, disseminando, così, in ciascuno la sventura dei bambini deformi e la disperazione delle famiglie: 6.000 nella Germania Occidentale, 400 in Gran Bretagna, 100 in Svezia e molti altri altrove, per un totale compreso, secondo caute stime, tra 8.000 e 10.000 casi. In Svezia, grazie a vigorose pressioni esercitate dalla stampa e dall’opinione pubblica, l’industria produttrice di specialità medicinali contenenti talidomide è stata indotta a versare, per ogni bimbo colpito dagli effetti del farmaco, una rendita annua. Così in Gran Bretagna ed in Germania. Tutto ciò non è bastato a restituire quanto è stato tolto alla vita di un bambino, né a concedere assoluzioni alla responsabilità dell’intero sistema. Ma certamente è servito ad alleviare le sofferenze degli interessati e delle loro famiglie. Ma in Italia, nulla di ciò era sin qui avvenuto. Il 29 febbraio 2007 avevo presentato un disegno di legge, che in sede di Legge finanziaria il Gruppo parlamentare di Italia dei Valori ha fatto suo e che si è tradotto in un emendamento, a mia firma, accolto in Commissione Bilancio e successivamente approvato da entrambi i rami del Parlamento. Ora è legge dello Stato e lo stanziamento previsto è di 40 milioni di euro per il 2008 e di 5 milioni per gli anni successivi. Sono molto orgoglioso di essere stato lo strumento, e con me Italia dei Valori, per rendere finalmente giustizia a persone e famiglie che hanno tanto sofferto.

 

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Lorenzo Biolo, 16 Dicembre, 2009 07:09:56
    Salve, sono nato il 20 maggio 1965, con una malformazione ad entrambi gli arti inferori, l'assenza totale del perone di entrambi gli arti con conseguente malformazione di entrambi i piedi, in base alla legge 118/1971 mi è stata diagnosticata una emimelia bilaterale, e sò che mia madre in gravidanza faceva uso di sonniferi che le prescriveva il medico di famiglia...credo quindi di essere talidomidico anche io.....Come devo muovermi per poter usufruire anche io dell'indennizzo previsto? Le sarò grato per una sua risposta in attesa, distinti saluti....