Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

SANITA’: CIOCCHETTI; PER PARLARE BISOGNA CONOSCERE FATTI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

  “Esprimo grande preoccupazione per i provvedimenti che la Regione Lazio ha preso nel corso del 2009 in tema di Riabilitazione che risultano essere fortemente penalizzanti sia per i cittadini utenti che per il personale  operante in tale ambito. – è quanto dichiara il Segretario Regionale dell’Udc Luciano Ciocchetti commentando una nota arrivata dal Sindacato Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa Vice Segretario Nazionale Fabio De Santis. -

 

“Anche gli avvenimenti di questi ultimi giorni, con il rischio di un ulteriore taglio dei posti letto dedicati alla Riabilitazione –continua -   e la decisione di porre una quota della retta nei trattamenti residenziali di mantenimento a carico delle famiglie  alimentano un profondo senso di malessere e sconcerto, determinati dalla completa mancanza di concertazione con la Società Scientifica, e privi di programmazione.”

 

“In un ottica di ottimizzazione delle risorse, chiediamo un tavolo tecnico che affronti realmente il problema del disavanzo economico, valutando i reali sprechi in ambito pubblico, come per esempio la totale incapacità di rendere virtuose le degenze in acuzie, evitando lunghe attese, inutili, dannose e penalizzanti in termini economici.”

 

“Si parla in queste ore di rivoluzione sanitaria – conclude Ciocchetti – ma per farla veramente è necessario partire dal basso. In questo caso bisognerà recuperare una capacità di governabilità del paziente disabile, evitando tagli ingiustificati, che compromettano la qualità delle prestazioni erogate, mortificando gli operatori e le famiglie.”

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)