Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini (PD) sulla promozione della presenza culturale dell’Italia nel mondo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini (PD) sulla promozione della presenza culturale dell’Italia nel mondo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Dopo i tagli dei corsi di lingua arrivano quelli del personale scolastico all’estero”

 

“Di giorno in giorno diventano sempre più chiare e, purtroppo, sempre più pesanti le conseguenze che l’ultima Finanziaria ha provocato nel sistema di promozione della lingua e cultura italiana nel mondo” Lo dichiara l’on. Laura Garavini (PD) alla vigilia dell’incontro tra i sindacati della scuola all’estero e la delegazione del Ministero degli esteri. “Dopo l’accertata contrazione del numero dei corsi organizzati dagli enti gestori e degli alunni che ad essi accedono (si veda su questo il mio comunicato del 3 febbraio 2010), arriva il conto anche dei tagli di circa 2.700.000 euro sul capitolo relativo al personale scolastico all’estero: sono più di cinquanta i posti che il Ministro degli esteri intende tagliare”, denuncia la parlamentare eletta nella circoscrizione Europa.

 

“Nonostante le rituali autocelebrazioni di esponenti di Governo”, riassume la Garavini, “il sistema di sostegno alla lingua e alla cultura italiana all’estero sta cadendo pezzo a pezzo. E così il Governo sta dando indicazioni all’amministrazione di sviluppare meccanicamente i tagli della Finanziaria, senza badare alle conseguenze che questa politica comporta per gli utenti e per la stessa immagine dell’Italia. Soprattutto, senza affrontare la carenza delle risorse con una complessiva razionalizzazione che, eliminando sprechi e sovrapposizioni, consenta di salvaguardare gli interventi di maggiore peso strategico. Tra l’altro, si continua a eludere l’ormai improrogabile necessità di adeguare le retribuzioni dei supplenti all’estero, ferme da una decina di anni.

 

Su queste questioni, sulle quali è aperto il confronto tra i sindacati della scuola all’estero e il MAE, alla luce anche degli sviluppi che questi incontri potranno avere”, conclude la deputata, “mi riservo nei prossimi giorni di assumere le iniziative parlamentari più adatte perché il Governo renda conto delle sue intenzioni e del suo operato”.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Carmine (sempre da Londra) , 09 Febbraio, 2010 18:15:29
    Questa volta carissima Onorevola ..concordo in pieno...