Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ai Ministri della Giustizia della Salute e dei Rapporti con le regioni

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ai Ministri della Giustizia della Salute e dei Rapporti con le regioni

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image Interrogazione a risposta scritta Ai Ministri della Giustizia della Salute e dei Rapporti con le regioni: Per sapere – Premesso che: - la sanità calabrese ha rappresentato e continua a rappresentare una holding per la ‘ndrangheta, tanto che ad oggi ben tre Aziende Sanitarie sono state sciolte per infiltrazioni mafiose; - la Regione Calabria, pur in presenza di inchieste e sentenze giudiziarie non sempre è intervenuta per bloccare queste infiltrazioni; - nello scorso mese di gennaio, nel processo “Onorata Sanità”, che nasce da un inchiesta su presunti intrecci tra ‘ndrangheta e politica nel settore della sanità calabrese, è stato condannato tra gli altri, con rito abbreviato, a 2 anni e 6 mesi, Pietro Morabito, ex direttore generale dell’Azienda Sanitaria di Reggio Calabria e attuale manager dell’ASP di Catanzaro; - la Giunta Regionale della Calabria, presieduta dal Governatore Agazio Loiero, oggi Commissario delegato per l’emergenza socio-sanitaria regionale, non ha provveduto alla revisione dell’incarico di manager dell’ASP di Catanzaro, del dott. Pietro Morabito, dopo la citata condanna: - se non ritengano necessario ed urgente avviare le opportune iniziative affinché la Giunta Regionale della Calabria revochi l’incarico attuale di direttore dell’ASP di Catanzaro al dottor Pietro Morabito. On. Angela NAPOLI Roma, 11 febbraio 2010

Invia commento comment Commenti (0 inviato)