Privacy Policy politicamentecorretto.com - on. Franco Laratta al Ministro Maroni: "qualcuno vuole mettere a tacere la libera stampa in Calabria"!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

on. Franco Laratta al Ministro Maroni: "qualcuno vuole mettere a tacere la libera stampa in Calabria"!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Perchè il Governo dopo le nostre denunce e interpellanze urgenti non è ancora intervenuto?"

 

"Appena la settimana scorsa, con i colleghi Gentiloni e Giulietti, ho presentato alla Camera una interpellanza urgente con la quale si evidenziava come in Calabria fosse in atto un sistematico attacco contro giornali e giornalisti liberi che ogni giorno, coraggiosamente, fanno il loro dovere di informare i cittadini.

Già nelle settimane precedenti siamo intervenuti per segnalare come nell'ultimo anno, troppe minacce e intimidazioni si sono verificate ai danni dei giornalisti in tutta Italia, in particolar modo in Calabria dove parlare e scrivere di mafia, malaffare e criminalità può rappresentare un pericolo mortale.

Nonostante ciò, la nostra impressione è che il Governo stia sottovalutando questo allarme. Nel frattempo arriva l'ultima minaccia a Giuseppe Baldessarro, serio ed impegnato redattore de ''Il Quotidiano della Calabria'', al quale va la nostra stima e solidarietà. 

E' necessario che le forze di polizia e la magistratura vadano avanti nelle indagini, così come è necessario che il governo valutati attentamente quanto accade in Calabria, visto che siamo ormai in una vera e propria emergenza democratica, che colpisce la stampa libera per mettere a tacere le voci coraggiose del giornalismo calabrese.

Nessuno deve sapere, nessuno deve indagare e scrivere; sembra l'ordine impartito da qualcuno in Calabria"!

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)