Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Divino Tango"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Divino Tango"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Uno spettacolo elegante, di forte impatto emotivo, in cui esplode un'Argentina viva, piena di speranza. E' "Divino Tango", messo in scena dalla Pasiones Company, con  Adrián Aragón e Erica Boaglio protagonisti di una performance mozzafiato. Torna al Manzoni, sabato 27 febbraio, la grande danza, con il secondo appuntamento della stagione. Classico e contemporaneo al tempo stesso, "Divino Tango" - in tournée dall'8 gennaio, con tappe a Roma, Bologna, Torino, Bergamo e Genova - offre al pubblico un allestimento ricco di colori e atmosfere. Disegna una società moderna con la sua complessità e la sua superficialità, il glamour e l'apparenza, il denaro e il ballo popolare. Il tango, appunto. Come sintesi perfetta di una Buenos Aires attuale. Sul palco, storie semplici e temi eterni: la battaglia dei sessi, la vita di quartiere, la festa e l'amore, con le tinte dell'eros che questo ballo da sempre sottintende. Una trentina i momenti danzati. Portano la firma di Erica Boaglio e Adrián Aragón, uniti nell'arte e nella vita dal 1994.
La coppia vanta esperienze di altissimo livello nel settore che ha permesso loro di toccare i massimi vertici della professione. Costantemente impegnati in tournée e seminari in Europa come in America Latina, protagonisti assoluti di festival e grandi eventi, Aragón e Boaglio ammaliano da tempo le platee di tutto il mondo interpretando come pochi tutta la passione dell'intramontabile ballo di coppia. "Il tango non è una proprietà privata o soltanto un passo più o meno complesso e sensuale - precisano -. Non è soltanto un museo di personaggi di inizio Novecento, immersi nei fiumi peccaminosi delle Milonghe. Il tango non si impara, si vive! E' una parte della nostra anima argentina: oggi, come ieri, e come domani. E se la nostra anima è Divina, lo è anche il nostro tango".
Ad evidenziare il fervore dell'anima argentina, il gruppo di ballerini di indubbio valore artistico: Daniel Oviedo, Pablo Velez, Daniela Kizyma, Leonardo Pankow, Magdalena Gutierrez. Mariana Casagrande, Mariel Bobek, Ivan Alvarez, Silvana Torres e Ricardo Astrada. La colonna sonora è stata accuratamente selezionata, un mix di brani che attingono all'inconfondibile repertorio di Carlos Gardel, Astor Piazzolla e Francisco Canaro, sconfinando nelle nuove creazioni di Luis Corallini.
Il sipario si apre alle 21. I biglietti d'ingresso costano 24 euro per la platea, 21 per la balconata e 13 per la galleria; riduzioni per gli abbonati alla stagione di prosa, cral e associazioni, rispettivamente a 22/19/11 euro. Riduzioni speciali per gli allievi delle scuole di danza (17/15/9 euro). Per informazioni, chiamare lo 039-386.500.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)