Privacy Policy politicamentecorretto.com - CAMERA DEI DEPUTATI: INTERROGAZIONE BIPARTISAN PER IL FUTURO DI RAI ITALIA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CAMERA DEI DEPUTATI: INTERROGAZIONE BIPARTISAN PER IL FUTURO DI RAI ITALIA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

I deputati di maggioranza e di opposizione eletti nella Circoscrizione estero hanno presentato un’interrogazione a risposta scritta, il cui primo firmatario è l’on. Marco Fedi (PD),  per sapere quali iniziative il governo intenda assumere per ripristinare la dotazione di bilancio destinata alla Convenzione tra Presidenza del Consiglio dei Ministri e Rai.  Un’adeguata destinazione di risorse alla Convenzione, infatti, è la condizione indispensabile per assicurare  la continuazione e lo sviluppo di Rai Italia nel mondo. L’atto chiede, inoltre, l’istituzione della Commissione permanente PCM-Rai-MAE prevista dalla stessa Convenzione.
L’interrogazione è stata presentata a seguito dell’impossibilità di approfondire il tema del futuro di Rai Italia e quello della stampa italiana all’estero nel corso della conversione del Decreto “mille proroghe”.  I tagli su queste voci si sono manifestati particolarmente gravi dal momento che incidono rispettivamente per 12 milioni di euro e per il  50% sul già esiguo contributo previsto.

Qui di seguito il testo dell’interrogazione presentata da Marco Fedi, Aldo Di Biagio, Franco Narducci, Gino Bucchino, Guglielmo Picchi, Fabio Porta, Giuseppe Angeli, Amato Berardi, Laura Garavini, Ricardo Merlo, Gianni Farina, Antonio Razzi.

Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell’Economia e Finanze, al Ministero dello Sviluppo Economico

Per sapere - premesso che:
• Rai Italia è un punto di riferimento insostituibile e fondamentale per le nostre comunità all'estero ed è attualmente l'unico strumento d'informazione radiotelevisiva del nostro Paese all' estero;
• è quindi assolutamente indispensabile garantire la qualità del prodotto, poiché l'immagine televisiva diventa l'immagine dell'Italia, in competizione con l'immagine data da altri canali radiotelevisivi europei che possono contare su risorse decisamente superiori;
• Rai Italia è lo strumento d'informazione e comunicazione radiotelevisiva internazionale del sistema Italia nel mondo;
• Rai Italia svolge un importante ruolo di informazione, formazione e comunicazione a favore delle comunità italiane e nella promozione del sistema economico-commerciale italiano nel mondo, oltre a garantire la presenza dell'informazione radio-televisiva di lingua italiana all'estero;
• la Convenzione tra il Dipartimento per l'Informazione e l'Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la RAI, stipulata il 26 luglio 2007, prevede la trasmissione di programmi televisivi e radiofonici destinati all'estero per la diffusione e la conoscenza della lingua e la cultura italiana nel mondo attraverso i palinsesti di Rai Italia, ex-RAI International;
• l'art.7 della Convenzione stabilisce in 35 milioni di euro (30 milioni per il 2007) il corrispettivo che la PCM dovrà corrispondere alla Rai per le prestazioni oggetto della Convenzione;
• l'art.10 stabilisce che la Convenzione abbia pari durata della Concessione del Servizio pubblico generale radiotelevisivo affidato alla RAI dalla normativa vigente fino al 6 maggio 2016, fermo restando che la parti si sono impegnate a rivedere condizioni e modalità delle prestazioni della Convenzione ogni tre anni;
• la Convenzione prevede l'istituzione di una Commissione permanente presieduta dal Capo del Dipartimento per l'Informazione e l'Editoria della PCM e composta da tre rappresentanti della PCM e quattro della Rai, nonché da un rappresentante del MAE, che sottoporrà le proprie considerazioni ad un Comitato presieduto dal Sottosegretario di Stato della Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega per l'Informazione e l'Editoria, per l'adozione degli eventuali interventi correttivi;
• il taglio previsto alla dotazione della Convenzione è di circa 12 milioni di euro;

quali iniziative intendano assumere al fine di:
- ripristinare la dotazione di bilancio della Convenzione tra PCM e Rai volta ad assicurare la continuazione, il miglioramento e lo sviluppo della presenza di Rai Italia nel mondo e a realizzare gli obiettivi costitutivi di Rai Italia e la sua capacità di raggiungere, con un prodotto di qualità, le comunità italiane nel mondo e le società dei Paesi in cui queste risiedono;
- istituire sia la Commissione permanente PCM-Rai-MAE  che il Comitato per assicurare l’azione di monitoraggio e di valutazione della Convenzione dandone comunicazione al Parlamento.

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Carmine Gonnella , 26 Febbraio, 2010 11:02:16
    Faccio presente ai 12 che Rai Italia e' solo visionata dagli italiani nelle americhe e non in europa