Privacy Policy politicamentecorretto.com - on.laratta(Pd): "Dietro alle minacce ad Angela Napoli e gli 'avvertimenti' a magistrati e giornalisti, si nasconde la scelta elettorale della mafia. il pdl è imbarazzato"!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

on.laratta(Pd): "Dietro alle minacce ad Angela Napoli e gli 'avvertimenti' a magistrati e giornalisti, si nasconde la scelta elettorale della mafia. il pdl è imbarazzato"!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

L'on. Franco Laratta, nel corso di una manifestazione a Rende con il candidato alle regionali Mimmo Bevacqua", ha parlato del 'forte interessamente della 'ndrangheta calabrese alle prossime elezioni regionali. La criminalità organizzata sta lanciando chiarissimi messaggi a coloro che disturbano il suo progetto di condizionamento della politica calabrese. Da mesi registriamo le minacce ai giornalisti calabresi che si occupano di mafia e criminalità; da mesi i pesanti avvertimenti alla magistratura reggina ed oggi altri magistrati della nostra regione sono il chiaro segnale dell'insofferenza della 'ndrangheta; fino alle minacce di morte ad angela napoli che, in condizioni di isolamento dalla sua parte politica, conduce da anni una coraggiosa battaglia contro le mafie. I segnali sono sempre più forti  e forte appare il tentativo di condizionare le prossime elezioni regionali. Ragion per cui, altrettanto forte e deciso deve essere il 'NO' della politica a qualsiasi forma di inquinamento del voto. Non si tratta tanto di fastidio delle cosche verso l' Agenzia per le confische a Reggio Calabria, come sostiene Scopelliti; la cosa è molto più grave. Le cosche sono scese in campagna elettorale e pretendono di condizionare la regione per i prossimi 5 anni al fine di mettere le mani sulle enormi risorse finanziarie che disporrà la Calabria per i prossimi anni. Mentre il Governo nazionale è sceso di recente a Reggio per la solita parata propagandistica, nessun potenziamento delle forze dell' Ordine e degli organici della Magistratura è stato attuato. A tutt'oggi, il 60% dell'organico delle procure è vuoto, in alcuni tribunali le percentuali sono ancora più gravi; alle forze di polizia mancano uomini, mezzi e risorse per effettuare il loro lavoro di prevenzione e repressione del crimine; a Catanzaro le  autovetture dei magistrati rimangono senza carburante. Davanti ad uno scenario così devastante, è fondamentale che la politica calabrese dica con chiarezza e senza timidezza alcuna CHE RIFIUTA I VOTI DELLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA, CHE COMBATTERA' CON OGNI MEZZO L'INQUINAMENTO MAFIOSO DELLE ISTITUZIONI REGIONALI.   LO DICANO CON FORZA I CANDIDATI PRESIDENTI, LO DICANO METTENDO IN CHIARO LE LORO LISTE IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI PROVINCIALI, CONTROLLINO E VERIFICHINO DIRETTAMENTE QUANTI SOSTENGONO E FANNO PROPAGANDA ELETTORALE AI LORO CANDIDATI, BEN SAPENDO CHE LAMAFIA E' IN CAMPAGNA ELETTORALE E STA GIA' LAVORANDO PER SOSTENERE LISTE E CANDIDATI".
l'ON. Laratta ha poi parlato della necessità di rinnovare il consiglio regionale e di eleggere candidati nuovi e dal profilo trasparente. "Fra questi io sostengo e voto MImmo Bevacqua, giovane, pulito e trasparente. La Calabria ha bisogno di cambiamento".

Invia commento comment Commenti (0 inviato)