Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Regionali: Udc, noi vero cambiamento della politica

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

 “Con i lavori apertisi oggi della Costituente di Centro per Roma e per il Lazio, vogliamo inaugurare un nuovo corso dopo i fallimenti di Pd e Pdl. Finalmente mi sento a casa dopo tanti anni passati in partiti grandi in cui mi sentivo stretto, considerato come un ospite in casa propria. Oggi faccio parte di un partito che vuole e può diventare più grande, e in cui mi sento più largo”. Lo ha dichiarato Matteo Costantini, ex assessore del Pd del XV Municipio, a margine della conferenza della Costituente di Centro. Anche per Gianni Molinari, ex consigliere del Pdl al comune di Nettuno, l’incontro di oggi “è importante perché pone le basi per creare un partito ben strutturato e radicato nel territorio, che non ha una sola persona al comando ma tanti dirigenti che possono esprimere la propria individualità, tenendo alto il discorso della meritocrazia, nell’ottica di una riforma elettorale basata sulle preferenze”. Luca Giansanti, già consigliere comunale del Pd a Roma, ha sottolineato l’importanza di “prendere le distanze da chi vota la Bonino, che vuole abolire l’art.18 della Costituzione, il servizio sanitario nazionale e considera legittimo l’uso di droghe. Con la Costituente di Centro – ha aggiunto – si apre un cantiere che contribuirà a rendere più forte l’Udc, portandolo ad essere sempre più determinante sia a Roma che nel Lazio”.
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)