Privacy Policy politicamentecorretto.com - Da sinistra monnezza e manganellate su italiani

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Da sinistra monnezza e manganellate su italiani

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Dal governo di sinistra piove sempre di più monnezza sull’Italia e manganellate sugli italiani. La monnezza di Napoli trasportata nelle altre Regioni sta provocando un contagio incredibile di ribellione e di rifiuto verso un governo i cui tratti crispini e autoritari ormai non sfuggono a nessuno. Romano Prodi, fedele all’abito di ipocrisia che non abbandona mai, invoca oggi il dovere della solidarietà con la Campania. L’Italia e l’Europa sono solidali con la Campania da un quarto di secolo. In Campania la monnezza per le strade è costata oltre 2 miliardi di euro. Sulla monnezza si sono arricchiti la camorra con le sue ditte infiltrate e i commissari straordinari che nulla hanno fatto (vedi Bassolino) o sono stati impediti a fare (vedi Bertolaso).
 Portare quell’immondizia in giro per l’Italia in nome della solidarietà è un’idea folle. Il governo deve concedere al prefetto De Gennaro i pieni poteri e consentire l’impiego dell’esercito per funzioni di ordine pubblico. Non si possono manganellare oggi sardi, domani ciociari o abruzzesi in nome della solidarietà con gli abitanti della Campania. E imporre lo smaltimento dell’immondizia senza dare neppure un segnale di chiarezza politica, come sarebbero le dimissioni di Bassolino, Iervolino e del ministro Pecoraro Scanio è una manifestazione di protervia politica intollerabile. Il centrodestra non può che opporsi a questo governo in tutte le sedi istituzionali e con tutte le sue forze.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)