Privacy Policy politicamentecorretto.com - Caccia. La Lista Bonino Pannella propone la moratoria per tre anni in Toscana

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Caccia. La Lista Bonino Pannella propone la moratoria per tre anni in Toscana

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della sen. Donatella Poretti, Radicali-Pd

“Rispettare la natura e applicare con rigore la legge sul prelievo venatorio e i richiami europei sul rispetto delle specie animali avrebbe una sua ragionevole traduzione nel fermare per tre anni la caccia tempo utile ad effettuare un monitoraggio sulle specie animali in Toscana.” (dal programma della Lista Bonino Pannella: http://www.devirgiliisgovernatore.it/programma/).

Il sondaggio Ipsos su 'Le opinioni degli italiani sulla caccia' (commissionato da Enpa, Lav, Legambiente, Lipu e Wwf Italia) non lascia spazio a dubbi: il 79% dei cittadini italiani considera la caccia una crudeltà da vietare o da regolare più rigidamente, mentre l’80% la vorrebbe vietare nei terreni privati senza l’autorizzazione del proprietario (il noto articolo 842 del Codice Civile).
In Toscana il 69% degli elettori si dichiara contrario o totalmente contrario ai candidati che proponessero regole a favore della caccia, e 4 elettori su 10 cambierebbero di conseguenza il loro voto. Anzi, l’89% vuole dai candidati un impegno politico e legislativo per aumentare le tutele per gli animali e la natura, con un 93% degli elettori Pdl-Lega e l’87% Pd-Idv.

Tutto questo avverrebbe se i cittadini sapessero da una parte cosa fanno gli eletti e dall'altra se poi potessero premiarli o punirli con il proprio voto.

Come si comporterebbero gli elettori se sapessero che la Regione Toscana con soli 4 voti contrari e 41 favorevoli ha deciso di dare il via libera alla legge n.3 del 3 febbraio 2010 che fara’ guadagnare all’Italia nuove multe per infrazioni alle direttive dell’Unione Europea? In particolare per la caccia in deroga, tagliole, caccia con la neve, con i capanni, la detassazione alle aziende faunistiche venatorie, la possibilita’ di rivendere anche nelle sagre animali uccisi in battute di caccia contro ogni regola igienica e sanitaria, i controllori saranno gli stessi cacciatori e quindi i controllati, insomma una serie di incentivi per un manipolo di cacciatori.

Il numero complessivo dei cacciatori in Toscana è di circa 110.000 (il 3,5% della popolazione sopra i 18 anni), con una riduzione media dell'1,5 -2,5% all'anno e con una tendenza alla crescita dell'età media: attualmente il 70% dei cacciatori ha più di 50 anni e quasi il 20% sono ultra settantenni. Con una battuta si potrebbe dire una specie in via di estinzione, che la Regione con afflato protezionista decide infatti non solo di proteggere e tutelare, ma di incentivare con una legge fatta a poche settimane dal voto!

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data antonio ap., 26 Marzo, 2010 18:38:57
    la caccia nn è un problema ma una risorsa...sospendere l'attività venatoria procurerebbe un danno alla fauna, all'ambiente e alla cultura rurale che purtroppo rischia di essere dimenticata purtroppo oggi solo il 21% (secondo questi fantomatici sondaggi)è il custode di questa cultura.la natura lasciatela tutelare e salvaguardare a quel 21%..