Privacy Policy politicamentecorretto.com - Le contraddizioni russe

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Le contraddizioni russe

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

I rintocchi delle campane della crisi economica hanno rievocato nel cuore e nella mente dei russi gli anni turbolenti della presidenza Yeltsin, segnati dalla prevaricazione oligarchica di pochi privilegiati che, attraverso indiscriminate privatizzazioni hanno accumulato patrimoni maestosi dal nulla, sconvolgendo l’equilibrio sociale della nazione in maniera indelebile.
La debolezza di un sistema di potere incentrato sulla repressione di ogni forma contraria al governo manifesta una puerile instabilità, che si è tentato di oscurare, ma con scarsi risultati.
L'assassinio di Anna Stepanovna Politkovskaja, giornalista moscovita, simbolo della lotta intellettuale contro il “sistema” Putin, grazie ai suoi reportage sulla Cecenia e per il forte sostegno sul fronte diritti umani della popolazione russa, ha avuto una vasta eco in tutto il mondo. L’accusa che l’opinione pubblica e i media internazionali hanno lanciato nei confronti dell’ex funzionario del Kgb Vladimir Putin, di essere il mandante dell’omicidio della giornalista, ha gettato un’ombra sinistra sul sistema di potere che impera nell’ex Unione Sovietica.
Una Russia stabile economicamente e democratica rappresenterebbe, invece, un tassello vitale e basilare per la sicurezza globale e un contrappeso politicamente indispensabile al potere socio-economico degli Stati Uniti

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)