Privacy Policy politicamentecorretto.com - L’appello al voto di Laura Garavini (PD)

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L’appello al voto di Laura Garavini (PD)

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Votiamo PD per dimostrare che cambiare è possibile”

Care democratiche, cari democratici
le elezioni regionali, provinciali e comunali del 28 e 29 marzo 2010 sono un’ occasione importante per dimostrare, con il nostro voto al PD, che un’altra Italia è possibile.

Per dare voce e forza alle nostre idee, alle nostre collettività all’estero, a chi difende la democrazia e sceglie la legalità.

In questi due anni il Governo ha messo in discussione il sistema democratico e la costituzione del nostro Paese con violenti conflitti istituzionali.

Ha penalizzato soprattutto noi italiani all’estero e le nostre rappresentanze con pesanti tagli alle risorse, soprattutto per l’assistenza e la lingua e cultura italiana, fino a chiudere numerosi consolati in Europa e negare fino ad oggi il voto per il rinnovo dei Comites e del CGIE.

Ha lasciato sprofondare il Paese in una grave crisi economica e occupazionale.

Con il nostro voto al PD possiamo iniziare a costruire un’altra Italia che riparta dalle amministrazioni regionali, provinciali e locali.

So bene che non è sempre facile organizzare un viaggio per raggiungere il proprio seggio in Italia, ma è uno sforzo prezioso per dare più forza alla nostra voce.

Mi rivolgo soprattutto a chi pensa di non andare a votare perché ora più che mai c’è bisogno della partecipazione di tutti. Votare dimostra che cambiare è possibile e permetterà a noi tutti di riprendere nelle nostre mani il futuro del Paese.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)