Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Central Park non era provocazione, discariche marginali con nuovo ciclo rifiuti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


"Malagrotta? Quelli che denigrano questo impianto farebbero bene a farci prima una visita e rendersi conto di come funziona. Non è affatto un sito antiquato e pericoloso, ma un fiore all’occhiello per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, e che da oltre 20 anni provvede allo smaltimento delle 5000 tonnellate prodotte ogni giorno dai romani. L’idea di trasformarla in un parco pubblico non era una provocazione ma una proposta concreta, considerato che Malagrotta  si avvia a chiudere nel 2012 il suo ciclo di discarica e a mettere a punto questo progetto che sarà possibile proprio grazie alle tecnologie moderne e all’avanguardia che utilizza, come la gassificazione del Cdr, il combustibile derivato dai rifiuti, che permette di ottenere il granulato minerale vetrificato da gassificatore, rendendo di fatto marginale l’utilizzo delle discariche. Questa tecnica, esportata anche all’estero,  permette di trasformare i rifiuti in materie prime minerali e metalliche riutilizzabili in vari modi, come ad esempio per il rifacimento dei manti stradali e costituirà anche la base del parco, che sorgerà sull’ex cava. Purtroppo in Italia questo materiale viene ancora poco utilizzato, a differenza di quanto avviene all’estero”. Lo ha dichiarato il Segretario Regionale Udc Luciano Ciocchetti durante una visita alla discarica di Malagrotta. “Gli standard di sicurezza di Malgrotta  - spiega - sono paragonabili a quelli delle centrali nucleari europee, e la rendono assolutamente priva di pericoli per l’ambiente e per la salute dei cittadini, cosa che invece non è assicurata dalla vicina raffineria.  Questo impianto – aggiunge – rappresenta la via che deve seguire l’iter dello smaltimento dei rifiuti, proprio per le caratteristiche di sicurezza e innovazione che lo rendono unico sul territorio. Mi auguro che le visite delle scuole a questo centro, che già avvengono una volta a settimana, si intensifichino affinché gli alunni prendano visione di come funziona, anche attraverso video esplicativi. La giunta di centrosinistra ha fallito sullo smaltimento dei  rifiuti perché ha subito l'incapacità di uscire dal piccolo cabotaggio e passare ad una visione moderna dove il sistema sia basato sul ciclo completo, come il sistema brevettato “Full circle” utilizzato qui, che si fa non più con le discariche ma con gli impianti”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)