Privacy Policy politicamentecorretto.com - Matrimoni gay. Dopo la Consulta il legislatore si assuma le sue responsabilita' e discuta una legge

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Matrimoni gay. Dopo la Consulta il legislatore si assuma le sue responsabilita' e discuta una legge

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Dopo la sentenza della Consulta (1), che se n'e' lavata le mani, e' urgente che il legislatore si assuma la responsabilita' politica di una decisione politica. Lo scaricabarile delle competenze nei fatti ha abbandonato coppie e individui a cercare soluzioni pratiche in un fai da te che non e' degno di una societa' civile e di un Paese che dovrebbe assicurare diritti e tutele a tutti i cittadini a prescindere dal sesso e dalle preferenze sessuali.
Il Parlamento calendarizzi subito i disegni di legge in materia. Al Senato il primo giorno della legislatura ho depositato il ddl 594 (2) insieme ai senatori Marco Perduca, Roberto Della Seta, Francesca Maria
Marinaro, Franca Chiaromonte, Francesco Pardi.


(1) http://www.aduc.it/notizia/matrimoni+gay+corte+costituzionale+inammissibili_117267.php
(2) http://blog.donatellaporetti.it/?p=37

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data mogol_gr, 15 Aprile, 2010 07:31:56
    Nei paesi "occidentali" i brutti diventano "checche", nei paesi comunisti (o ex comunisti)omosessuali.