Privacy Policy politicamentecorretto.com - on. Franco Laratta(Pd): "Subito una svolta! Ma il Pd di San Giovanni in Fiore è forte: 9 seggi su 20 in consiglio comunale

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

on. Franco Laratta(Pd): "Subito una svolta! Ma il Pd di San Giovanni in Fiore è forte: 9 seggi su 20 in consiglio comunale

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

Troppo vecchiume in circolazione. E spesso quelli nuovi sono peggio dei vecchi!"

 

A San Giovanni in Fiore il Pd ha vinto in termini di voti e di seggi. Ma la città dopo 60 anni ha mandato un segnale chiarissimo: c'è bisogno di una svolta vera.  Mentre vedo ancora i riti dei vecchi partiti del centro-sinistra che fra analisi del voto, litanie stanche e struggenti che appartegono al passato, assistiamo al  prevalere della paura del futuro. In tanti sembra non aver capito il messaggio e la sonora lezione che ci ha dato il popolo sangiovannese, storicamente di sinistra. Qualcuno pensa di cambiare tutto per non cambiare niente.
Fra vecchi riti e giovani proclami in politichese di qualcuno che è già vecchio dentro, io difendo il lavoro e l'azione del Pd, ma credo che ognuno di noi debba fare un passo indietro e far crescere una generazione nuova, una classe
dirigente che non frequenta le sezioni e i circoli ma che ha voglia di impegnarsi.
Nelle nostre sezioni cittadine circolano le stesse facce da 30 anni, mentre quelle nuove sono poche e quando ci sono sembrano più vecchie di quelle  vecchie, e parlano peggio dei vecchi.  Il Pd di San Giovanni in Fiore (4500 voti su 11 mila, 9 seggi su 20 alle ultime amministrative) dimostra che siamo nella gente e che non è vero che qui tutto è destra. L'elettore vuole il cambiamento, ma pretende anche qualità nella risposta e nella classe dirigente. Qualità che spesso latita in mezzo a noi.
La sezione cittadina del Pd  dovrà subito cambiare rotta e tornare fra la gente. Se è possibile nella massima unità, che non vuol dire accettare anche le cose inaccettabili, come pure abbiamo fatto nei mesi scorsi, nel nome dell'unanimismo. Ma questo ora non è più possibile.
Unità sì, ma solo se il cambiamento sarà vero e non fittizio, se la si smette con le guerre interne e le lacerazioni fratricide che hanno portato la gente e gli elettori a darci una sonora lezione alle scorse amministrative.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)