Privacy Policy politicamentecorretto.com - Piombo negli alimenti e rischio salute bambini. Modificare le linee guida comunitarie. Interrogazione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Piombo negli alimenti e rischio salute bambini. Modificare le linee guida comunitarie. Interrogazione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della sen. Donatella Poretti, Radicali-Pd

Pericolo piombo negli alimenti con quantita' innocue per adulti ma non per i bambini? E' quanto segnalato dall'Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori) che ha rilanciato i risultati di 9 anni di indagini, dal 2003 al 2009 condotte dall’EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare): in 14 Stati membri della UE e in Norvegia, ne e' stata riscontrata  una presenza significativa.
Il piombo e' un contaminante ambientale che si trova in natura e, in misura maggiore, proveniente da attività antropiche quali la sua estrazione e successive lavorazioni. L'esposizione umana al piombo può avvenire per via alimentare, con l'acqua, l'aria, il terreno e la polvere. Il cibo è la principale fonte di esposizione al piombo che si accumula nell'organismo umano. Inoltre l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato il piombo inorganico come probabilmente cancerogeno per l'uomo.
Nell'indagine Efsa, in circa i due terzi dei campioni esaminati il piombo è risultato al di sotto del limite di rilevazione, e quindi a basso rischio per gli adulti, soggetti "solo" ad un aumento della pressione. La preoccupazione maggiore riguarda gli effetti sullo sviluppo neurologico dei feti, dei neonati e dei bambini, che ha portato a una riduzione diffusa del quoziente di intelligenza (IQ), con diminuzione delle funzioni cognitive dei minori fino a sette anni di età europei.
Secondo questi dati scientifici esistono le condizioni per cui la Commissione europea modifichi le linee guida esistenti per la tutela della salute pubblica, rivedendo gli attuali livelli di esposizione al piombo, sia dagli alimenti che da altre fonti.
Per questo motivo, col senatore Marco Perduca, ho rivolto un'interrogazione al ministero della salute e delle Politiche Comunitarie per sapere se intendano farsi portatori di tale istanza in sede comunitaria.

Qui il testo dell'interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=1359

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)