Privacy Policy politicamentecorretto.com - Non è che agli uni e agli altri importasse molto della sua sofferenza

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Non è che agli uni e agli altri importasse molto della sua sofferenza

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Stefano Cucchi fu picchiato dagli agenti della polizia penitenziaria e, di fatto, non curato dai medici dell'ospedale Sandro Pertini, i quali, pur avendo ben presenti le patologie di cui soffriva il ragazzo nel corso della degenza, "volontariamente omettevano di intervenire". E' lo scenario che emerge dall'avviso di fine indagine, firmato dai pm Vincenzo Barba e Maria Francesca Loy e dal procuratore Giovanni Ferrara, e notificato a tredici persone. In parole povere: le "mele marce" della polizia penitenziaria  stavano li lì per ammazzare lo sventurarto giovane, ma non sono andate oltre (hanno esperienza da vendere, e di norma sanno come fare); le "mele marce" dell'ospedale, invece, fregandosene delle condizioni precarie del paziente,  hanno portato a termine, non volendo ovviamente, il lavoro iniziato. A mio parere se la caveranno tutti con pene irrisorie, perché in fondo nessuno aveva la seria intenzione di farlo fuori. Certo, non è che agli uni e agli altri importasse molto della sua sofferenza. Ma possono essere condannati per questo?
 
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (0 inviato)