Privacy Policy politicamentecorretto.com - Buoni risultati per consolati e assistenza sociale, ma il lavoro continua

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Buoni risultati per consolati e assistenza sociale, ma il lavoro continua

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

In America Latina

 

 

 

 

“Le tanto auspicate azioni di rafforzamento della rete consolare e di miglioramento dell’assistenza sanitaria agli indigenti in America Latina iniziano a realizzarsi”. Con soddisfazione il senatore Edoardo Pollastri espone le misure che il Ministero degli Affari Esteri sta attivando per rispondere alle richieste di servizi consolari da parte della comunità italiana in America meridionale. “Dopo mesi di interventi in commissione Affari Esteri e in Aula, l’appoggio decisivo del comitato per le Questioni degli Italiani all’Estero, i contatti con il Governo e con la Farnesina –dichiara il senatore-, è stata finalmente avviata la costituzione di una task force per affrontare seriamente l’endemico problema dei lunghi tempi di attesa presso i Consolati, specialmente in Brasile". "Notizie confortanti -aggiunge- anche per quanto riguarda l'assistenza ai nostri concittadini indigenti. Maggiori risorse in favore soprattutto dei cittadini ultrasessantacinquenni nati in Italia e disponibilità a stipula di assicurazioni sanitarie a livello locale anche in Brasile”. “Si tratta di un risultato positivo –conclude Pollastri-, anche se non risolutivo dei problemi che affliggono le nostre comunità in America meridionale. Il lavoro è ancora molto e per questo proseguo nella mia azione per fare in modo che i diritti degli italiani e dei discendenti di connazionali all’estero vengano rispettati”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)