Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sicurezza stradale e ciclisti. Governo fa proprio nostro ordine del giorno su finanziamenti adeguati

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sicurezza stradale e ciclisti. Governo fa proprio nostro ordine del giorno su finanziamenti adeguati

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della sen. Donatella Poretti, Radicali/Pd

Oggi il Senato ha approvato le disposizioni in materia di sicurezza stradale e il Governo ha fatto proprio l'ordine del giorno che avevamo presentato in tema di piste ciclabili. Nel testo approvato, l'obbligo indiscriminato e generalizzato dell'uso del casco in bicicletta e' stato mitigato dal relatore che l'ha ricondotto ai minori di 14 anni, ma non si prendono in considerazione che le principali fonti di pericolo per la circolazione risiedono nella cattiva manutenzione delle strade, nella citata penuria di piste dedicate e nella carenza di una coscienziosa educazione stradale.
Per questo, con il sen. Marco Perduca, abbiamo impegnato il Governo ad: "assicurare finanziamenti adeguati ed aggiuntivi per la realizzazione di reti per percorsi integrati ciclabili e per la valorizzazione della mobilità ciclistica, anche agevolando la presentazione di richieste di appositi finanziamenti europei, al fine di costituire una delle soluzioni concrete e praticabili per alleggerire la congestione e la crescita del traffico motorizzato".
L'Italia, infatti, nonostante le condizioni climatiche favorevoli, è in forte ritardo rispetto alle altre nazioni europee per l'uso della bicicletta, a causa, oltre che di un diverso approccio “culturale”, di una strutturale carenza di percorsi ciclabili che permettano di spostarsi in condizioni di sicurezza. Un approccio punitivo sull'uso della bicicletta e' rintracciabile nelle ultime leggi, con una generale trasposizione ai ciclisti delle fattispecie incriminatrici penali ed amministrative previste per gli autoveicoli a motore, compresa la possibilità di decurtare i punti della patente di guida anche nel caso di infrazioni commesse in bicicletta.

Qui il testo dell'Ordine del Giorno:
http://blog.donatellaporetti.it/?p=1383

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)