Privacy Policy politicamentecorretto.com - Errore storico ed esegetico

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Errore storico ed esegetico

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

In questo periodo uomini di cultura ed anche qualche sacerdote (ahimé) continuano a fare un errore non solo esegetico, ma anche storico, citando il passo del Vangelo in cui Gesù dice: "Ma se uno sarà di scandalo a uno di questo piccoli che credono in me, è meglio per lui che gli sia legata al collo una mola asinaria..." (Mt 18,6". Per quanto riguarda l'esegesi è sufficiente consultare qualsiasi vangelo commentato. Riporto qui di seguito il noto versetto tradotto da studiosi cattolici e protestanti (La Bibbia - LDC 1985): "Ma se qualcuno farà perdere la fede a una di queste persone semplici che credono in me..." (Mt 18, 6); "Se qualcuno fa perdere la fede a una di queste persone semplici che credono in me..." (Mc 9,42); "Se qualcuno fa perdere la fede a una di queste persone semplici, sarebbe meglio per lui..." (Lc 17,2). Come si può costatare, Gesù non si riferiva ai bambini. E la pedofilia non c'entra.  L'errore storico sta nel fatto che nella società ebraica, anche al tempo di Gesù, questa infrazione della legge non esisteva. Nei mille divieti dell'Antico Testamento, non ne troviamo traccia. Nel vangelo si parla di fornicazione in genere, ma non in particolare di questo peccato. La pedofilia, quindi non poteva essere nella mente degli evangelisti e, mi dispiace di deludere qualcuno, neppure nella mente di Gesù, altrimenti considerata la gravità del peccato ne avrebbe parlato.

 Elisa Merlo

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)