Privacy Policy politicamentecorretto.com - Franceschini accusa: il Pd trascurato il tema della sicurezza

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Franceschini accusa: il Pd trascurato il tema della sicurezza

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


fonte  Alessandro Trocino - Corriere della Sera

Franceschini accusa, "Il Pd ha trascurato il tema della sicurezza".

Fioroni: Bersani cambi o il partito è finito.

"Chiedere un cambio di passo non significa dire cazzate, ma fare un atto d'amore per il partito".

Non usa una parola qualunque dal palco di Cortona Dario Franceschini, per chiudere la tre giorni di Area democratica. Perché dalla Sardegna venerdì Pier Luigi Bersani aveva spronato il partito a "occuparsi di lavoro e non di cazzate". Mentre Cortona si svuota, Franceschini commenta, "Alcuni giornali hanno riferito quella battuta a noi: io ci sono rimasto male, sono parolè fuori posto". Riferite o no ad Area democratica, il clima nel partito è sempre effervescente. L'ex segretario assicura che "qui nessuno ha mai parlato di scissioni", ma invita a non sottovalutare "il disagio": Troppa gente è uscita dal partito negli ultimi sei o sette mesi senza che si avvertisse il dolore della perdita".

I1 giorno dopo li rientro di Walter Veltroni per alcuni entusiasmante, per altri ingombrante, pochi lo citano. Franceschini nega "gelosie", "Liberiamoci da queste ragnatele mentali". Sarà, ma le correnti si increspano e i rivoli floriscono. Beppe Fioroni non rinnova dal palco l'ultimatum addio lanciato ieri dietro le quinte, che si era guadagnato gli strali di David Sassoli. Ma non è meno du Ìo, "Provo rabbia. Bersani cambi linea ofi partito è finito". Voglia di accomodarsi sulla poltrona di vicesegretario? "Vice di che? Di un progetto e di una linea che non condivido? A queste condizioni, meglio uscire dalla gestione collegiale"; Franceschini assicura, "Siamo una voce libera e leale". Ma chiede um "partito plurale" e invita a non chiudersi nel dirti no identitario".

Difende il bipolarismo, "anche dopo Berlusconi"e avverte, "Sbaglia chi vuole trascinare Fini fuori dalla destra". Chiede primarie nelle grandi città entro il 31 ottobre. Quanto all'eccesso di sinistra lamentato da Fioroni, qui a Cortona non si vede. Franceschini non vuole partiti deiNord, "basta con le stupidaggini", ma è pronto ad ammettere i "gravi errori del passato", "Dobbiamo chiedere scusa ai commercianti, agli artigiani che abbiamo chiamato evasori: non li abbiamo capiti. Abbiamo chiesto di pagare le tasse fino all'ultima lira, sapendo che andavano a finanziare la burocrazia".

E anche sull'immigrazione è mea culpa, "Giusta la società multietnica, ma abbiamo sbagliato quando govemavamo a non fare battaglie per la sicurezza e contro i fenomeni legati al crimine. compreso l'immigrato che vende cd per la strada". Non è leghismo, perché poi Franceschini rivendica la cittadinanza e l'integrazione. Ma l'ombra del Carroccio aleggia. Piero Fassino, che parla addirittura di "Padania", dice, "A volte mi considerano un leghista". A torto, s'intende, "anche se qualche volta, lo dico con franchezza, sento che il leghismo nel mio cuore prorompe". Ed ta l'immigrazione al Nord che "il doppio della media del Paese: la Lega vince perché presidia questi temi". Poi citai labucisti inglesi, "anno scritto nel programma che entrare nel Regno Unito è un privilegio, non un diritto". Sul partito Fassino è più lealista di Veltroni, "Nessuno mette in dubbio il congresso. Ma il rinnovamento serve, "Non so se abbiamo bisogno di un Papa nero, ma so che i cardinali non possono essere sempre gli stessi. E parlo anche per me". Quello che non è accettabile è che "Il partito ci viva come un fastidio: noi siamo una ricchezza, un giacimento di idee".

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)