Privacy Policy politicamentecorretto.com - Intercettazioni. Ordini professionali: quando possono si fanno sentire...

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Intercettazioni. Ordini professionali: quando possono si fanno sentire...

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image



Intervento della sen. Donatella Poretti, Radicali/Pd

Mentre il Senato discute una riforma corporativa della professione forense, le pressioni degli ordini si fanno evidentemente sentire anche su altre vicende. Grottesca oggi quella che riguarda il cosiddetto emendamento Daddario rifilato nel testo in discussione al Senato sulle intercettazioni. L'emendamento Daddario intendeva vietare punendo con un reato da 6 mesi a 4 anni chi registrava chiunque altro senza avere avuto la sua autorizzazione. Un reato che procedeva d'ufficio! Si sono levate le proteste della stampa e dell'informazione, le pressioni devono essere arrivate anche al relatore sen. Centaro, che oggi ammorbidisce la versione dell'emendamento: il reato scatta solo su querela della parte lesa, e si esclude la punibilita' "quando le riprese o le registrazioni sono effettuate ai fini dell'attivita' di cronaca dai giornalisti professionisti iscritti nell'albo professionale". Cameramen e tecnici audio-video tutti iscritti all'ordine dei giornalisti? Non bastava scrivere "
 quando
le riprese o le registrazioni sono effettuate ai fini dell'attivita' giornalistica"? Anche questo emendamento l'ha scritto l'ordine dei giornalisti, come la riforma forense e' stata scritta  dall'ordine degli avvocati?

Invia commento comment Commenti (0 inviato)