Privacy Policy politicamentecorretto.com - In marcia per la Pace

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

In marcia per la Pace

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Il Pd alla Perugia-Assisi

 

 

“E’ proprio vero: c’è troppa violenza in giro. La preoccupazione attorno alla quale questo 2010 il Tavolo della Pace sta orientando la storica marcia Perugia Assisi non può non coinvolgere anche il Partito democratico. Per questo – non è una novità ma l’impegno va costantemente rinnovato – anche quest’anno il Pd aderisce alla Marcia e moltissimi suoi esponenti percorreranno insieme a tante altre persone quella strada che simbolicamente Aldo Capitini volle, nel lontano 1961, trasformare nell’affermazione dei principi del pacifismo e della non violenza. All’epoca era la guerra fredda a scuotere le coscienze dei cittadini di buona volontà.

Oggi ancora guerre e violenze ci chiamano alla mobilitazione. Guerre lontane geograficamente e violenze che percorrono anche la nostra società, che ci sono vicine. L’impegno del Partito democratico non può che essere con la Marcia Perugia Assisi. C’è troppa violenza, troppa indifferenza verso gli altri, verso i deboli: il Pd ha nel suo Dna, nelle sue culture politiche questi valori. Per questo saremo con voi”.Con queste parole Pier Luigi Bersani ha annunciato l’adesione del Pd alla Marcia Perugia Assisi di domenica 16 maggio.

Alla marcia parteciperanno, insieme al segretario nazionale, Rosy Bindi, presidente dell'assemblea nazionale PD, Cecilia Carmassi, responsabile dell’Associazionismo e Terzo Settore della segreteria nazionale e molti altri dirigenti e parlamentari, che si uniranno al fiume di colori e passione civile che da Perugia raggiungerà Assisi.

“La nostra – ha aggiunto Carmassi – non sarà una presenza formale o dovuta. Anche in una fase politica così densa di fibrillazioni ci sembra importante essere lì a condividere l'appello a rimettere al centro della nostra vita e quindi anche della nostra politica i valori sanciti dalla Costituzione e dal diritto internazionale, che salvaguarda i diritti umani delle persone, ma che ci chiedono oggi più che mai un impegno a modificare la cultura egoistica, consumistica e violenta che sembra sempre più vincente anche nel nostro Paese.

“Anche l’occasione del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia – ha proseguito Carmassi - deve impegnarci a rendere concreti quei valori ed esigibili quei diritti ai quali la politica ha il compito di dare piena attuazione, cogliendo le nuove sfide ma interpretandole con coerenza e lungimiranza per
agire il cambiamento di cui il Paese ed il contesto internazionale hanno bisogno. Questo è un compito lungo e complesso: siamo consapevoli che un contributo forte e qualificato viene da tante realtà organizzate che nella marcia Perugia Assisi trovano un luogo di incontro e condivisione. Anche per questo il Pd ha fatto appello agli amministratori e ai nostri elettori perché assicurino un'ampia adesione alla marcia e si impegnino per dare continuità e risposte coerenti ai temi dell'appello”.

*****

“Impegnarsi per la pace e contro ogni violenza è necessario e lo dobbiamo continuare a fare anche nelle istituzioni”. È il messaggio che alcuni senatori del PD - Di Giovan Paolo, Nerozzi, Amati, Vita, Granaiola, Bertuzzi, Della Seta e Ferrante - hanno voluto inviare con una conferenza stampa di appoggio alla Marcia Perugia-Assisi del prossimo 16 maggio.

Per Roberto Di Giovan Paolo si può essere impegnati e realisti per la pace: "Come parlamentari abbiamo presentato un ddl costituzionale per costituire la parte italiana dell'esercito dell'ONU e dell'UE e per costituzionalizzare le missioni di pace solo quando richieste dalle Nazioni Unite. Per intenderci, 'sì' a Sarajevo, 'no' in Iraq. Su questo il PD, forse anche il prossimo 21-22 maggio all'Assemblea programmatica del partito, potrebbe esprimersi ufficialmente".
Un altro caso concreto di azione positiva per la pace è l'impegno dei parlamentari PD per circa 120 immigrati scacciati a gennaio scorso da Rosarno. Il sen. Paolo Nerozzi, forte della sua esperienza Cgil, ha sottolineato come l'impegno sia non solo per far fruttare il recente accordo tra Provincia di Roma e associazioni imprenditoriali dell'agricoltura, ma anche per vigilare affinché il caporalato non ritorni con la stagione del raccolto a venire.
Infine, Pier Virgilio Dastoli, presidente del Movimento Federalista Europeo del Lazio, ha collegato i temi della pace e dell'immigrazione alla visione europeista annunciando la partecipazione alla Marcia della Pace e, a seguire, il 4 e 5 giugno all'Università Roma Tre una convenzione dei cittadini per i beni pubblici europei e la pace.

*****

Anche Youdem, la televisione del Partito democratico, aderirà a "T'illumino di più", la campagna lanciata dalla Tavola della pace per dare voce agli invisibili nella settimana che precede la Marcia Perugia - Assisi. Contro la censura, per la libertà e il diritto all'informazione, per un'informazione e
una comunicazione di pace.

Venerdì 14 maggio, alle 18.15, la trasmissione Magazine sarà dedicata alla vigilia della Marcia, cui il segretario Pier Luigi Bersani e altri esponenti del Pd hanno annunciato la loro partecipazione. Si parlerà della Marcia - con interviste agli organizzatori - ma anche più in generale dei rapporti tra il volontariato e l'associazionismo e la politica. Ospiti in studio saranno Cecilia Carmassi, responsabile Pd per le Politiche per la famiglia, associazionismo e terzo settore, e Edo Patriarca, già portavoce del Forum del terzo settore, oggi consigliere dell’Agenzia per le Onlus e membro del Cnel.


Invia commento comment Commenti (0 inviato)