Privacy Policy politicamentecorretto.com - Presentata l’interrogazione per il mantenimento dell’Ufficio Scuola al Consolato di Dortmund

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Presentata l’interrogazione per il mantenimento dell’Ufficio Scuola al Consolato di Dortmund

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


Garavini (PD): “L’integrazione dei bambini italiani all’estero passa per la scuola”

“Quello della valorizzazione della lingua e cultura è uno dei settori più importanti per i nostri connazionali all’estero e nello stesso tempo uno dei più tartassati dal Governo Berlusconi”. Non nasconde la sua amarezza la deputata democratica Laura Garavini, prima firmataria di un’interrogazione sulla prossima chiusura dell’ufficio scuola presso il Consolato di Dortmund, sostenuta anche dai colleghi Bucchino, Fedi e Porta.

“L’educazione linguistica è tuttora fondamentale per l’integrazione e la crescita socio-culturale e scolastica dei bambini italiani”, sottolinea la Garavini, “soprattutto in Germania, dove il sistema scolastico molto selettivo richiede un impegno costante a sostegno degli studenti italiani per migliorarne il rendimento a scuola e scongiurare il rischio di disuguaglianze sociali”. Per queste ragioni “risulta incomprensibile”, così la parlamentare, “come si faccia a chiudere l’Ufficio Scuola del Consolato italiano a Dortmund che da tempo svolge un ruolo insostituibile in questo senso e costituisce un punto di riferimento non solo per gli oltre 8.000 alunni italiani della zona e le loro famiglie ma anche per le istituzioni locali, compreso il Governo della regione Nordreno-Vestfalia”.

“Ci auguriamo”, si appella la Garavini al Ministero degli esteri, “che si prendano tutte le misure necessarie per evitare che si determini uno squilibrio nella situazione consolidatasi negli ultimi anni, garantendo l’operatività dell’Ufficio Scuola del Consolato di Dortmund”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)