Privacy Policy politicamentecorretto.com - Toh il TG1 cancella l’opposizione...

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Toh il TG1 cancella l’opposizione...

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


I dati dell’Osservatorio di Pavia, pubblicati dal Sole 24 Ore: spazio solo a governo e maggioranza. Vita: "Gara TG1-TG5 a chi cancella l'opposizione". Melandri: "Minzolini chiami il TG1 TG SIlvio"
 
Non è un impressione di chi vota PD ma il risultato del monitoraggio dei TG realizzato dall’Osservatorio di Pavia e pubblicato dal Sole 24 Ore che evidenziano lo squilibrio abnorme tra governo, maggioranza e opposizione nel telegiornali nel mese di aprile.

Così a fronte di proposte alternative a quelle di Berlusconi presentate ogni settimana. e di denunce sugli errori della compagine governativa, il tempo di parola dedicato dai tg di prima serata all'opposizione ad aprile si è ridotto rispetto a marzo. Tg1 e Tg2 danno al governo oltre il 40% dello spazio e alla maggioranza circa il 15%, riservando all'opposizione più o meno il 20%. Il Tg3 dà al governo il 65%, alla maggioranza il 21% e all'opposizione il 34%. Il Tg5, infine, riserva il 65% dello spazio al governo, il 7% alla maggioranza e il 10% all'opposizione. Riguardo ai politici più presenti in video, Berlusconi è primo su tutte le testate. Sul Tg1 delle 20, in particolare, il premier ha parlato per 667 secondi, seguito dal presidente della Camera Gianfranco Fini, con 314 secondi, e dal ministro degli Esteri Franco Frattini, con 294 secondi.


Vincenzo Vita, senatore del Pd e membro della commissione di Vigilanza Rai, alla quale la tv di Stato deve trasmettere i dati dell’Osservatorio, è quasi sconsolato: “E’ triste essere costretti pressoché ogni giorno a intervenire sulle faziosità incredibili del Tg1, che anche oggi è riuscito a cancellare l’opposizione, guarda caso nel giorno in cui il governo annuncia lacrime e sangue. E’ sconfortante dover ripetere le stesse cose, del resto essere parte della commissione di Vigilanza Rai impone per l’appunto di essere attenti osservatori delle infrazioni del e nel servizio pubblico. A confermare questa anomalia arrivano i dati dell’osservatorio di Pavia, dove si evidenzia una nobilissima gara a chi è più squilibrato nei confronti di governo e maggioranza tra Tg1 e Tg5”.


Infatti i tg Mediaset segnalano una novità: il Tg5, ad aprile, ha dato più tempo di parola al governo rispetto al Tg4. Per la precisione, il Tg5 dà il 64,9% del tempo gestito in prima persona al Governo. Il Tg4 "solo" il 51,3%. Un dato che dev'essere però completato con quello relativo alla maggioranza, alla quale il Tg5 dà il 7,2% del tempo parola e il Tg4 il 31,7%. L'opposizione ha il 9,8% del tempo parola totale di partiti e istituzioni al Tg5 e il 6,1% al Tg4.

Anche per Giovanna Melandri “i dati confermano quanto andiamo sostenendo da tempo. In Italia, esiste un evidente e crescente squilibrio negli spazi dell'informazione televisiva. Nel Tg1 dell'affabile Minzolini, ad esempio lo spazio dedicato alle forze dell'opposizione è assolutamente esiguo, a fronte dello strapotere di Governo e partiti di maggioranza. In un simile contesto, non resta che proporre al direttore del Tg1 di provvedere a cambiare nome alla testa, chiamandola magari «Tg-Silvio», anche alla luce del minutaggio dedicato al presidente del Consiglio».

Ma forse quel nome lo vuole il tg di Italia 1, new entry sul podio fazioso: Studio Aperto dà i suoi cinque minuti e 56 secondi di tempo parola tutti a governo e maggioranza. All'opposizione zero secondi. Sarà difficile fare di meglio.


Marco Laudonio

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)