Privacy Policy politicamentecorretto.com - Massafra è il il primo tra i Comuni della Provincia di Taranto ad aver avviato un centro di prevenzione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Massafra è il il primo tra i Comuni della Provincia di Taranto ad aver avviato un centro di prevenzione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Inaugurato il Centro Prevenzione Donna “Federica Ranieri”


Alla presenza di assessori, consiglieri comunali, varie autorità civili e militari e una numerosa e commossa folla, si è inaugurata domenica, 16 maggio, a Massafra (Puglia), il Centro di Prevenzione Donna “Federica Ranieri”.
Nella nuova struttura “rosa” (come diffuso dal comunicato dell’addetto stampa del Comune di Massafra, Francesco Resta) le donne avranno la possibilità di effettuare un’ampia prevenzione attraverso la mammografia, l’ecografia, la dermatologia e altri servizi, non ultimo quello del nutrizionista.
L’assessore ai Servizi Sociali Antonio Cerbino, uno dei più granitici sostenitori del progetto del Centro, nell’intervento di apertura si è soffermato sull’importanza dell’associazionismo e del volontariato e sul percorso che ha portato all’apertura della struttura.
Il presidente della sede di Taranto della LILT (Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori), Perla Suma, si è complimentato con il sindaco e con l’assessore Cerbino per la sensibilità ed umanità mostrata nei confronti del mondo femminile. “Massafra – ha fra l’altro detto il presidente Suma – è il primo tra i Comuni della Provincia di Taranto ad aver avviato un centro di prevenzione. Questa sera – ha concluso Suma – è l’inizio di un cammino in cui molto si può fare, perché prevenire è vivere”.
Il presidente del “Progetto Federica”, Franco Fuggiano, ha tracciato brevemente i campi di azione dell’Associazione e le iniziative socio-umanitarie già intraprese (dalla realizzazione, in Tanzania, di una cisterna per il recupero delle acque fino alla realizzazione di una saletta medica in collaborazione con la Croce Rossa nel circolo didattico Giovanni Pascoli di Massafra e alla realizzazione di una “Villetta Donatori”). Don Fernando Balestra, parroco della Chiesa del Sacro Cuore di Gesù, ha impartito la benedizione al Centro “Federica Ranieri”. Il sindaco Martino Tamburrano, nel suo messaggio conclusivo. Molto appreezzato, ha affermato che le donne di Massafra, oggi, hanno uno strumento in più per non nascondersi, per non rassegnarsi, per non abbandonarsi, per combattere, per conoscere, per dare vita alla propria vita e speranza ad ognuna di loro. “Con l’inaugurazione del Centro di Prevenzione Donna – ha continuato il sindaco – aggiungiamo una nuova tessera a quel mosaico creato con grande sacrificio durante questi ultimi quattro anni, in cui è emersa chiaramente la volontà dell’amministrazione di porre la persona al centro di ogni attività. Una centralità fatta di servizi, di sicurezza, di cultura, di socializzazione, di risposte alle domande più pregnanti, più difficili, ma al contempo più stimolanti”.
Lo stesso sindaco Martino Tamburrano (nella foto in un momento della manifestazione), ha tagliato il nastro tricolore, mentre la targa di dedicazione è stata scoperta da Perla Suma e dalla mamma di Federica Ranieri, una giovanissima ragazza scomparsa a causa di un male incurabile nel marzo del 2008 e la cui storia è ormai nota a tutti. Storia di eternità, gratuità e dono. I suoi sorrisi, le sue energie, il modo di accogliere e vivere la vita e di donarsi per essa hanno raggiunto l’apice nel gesto sublime della donazione dei suoi organi. Da quel momento Federica si è “riaccesa”, proiettandosi  verso il cielo e risorgendo  con amore generoso in altre vite umane…

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)