Privacy Policy politicamentecorretto.com - RIFLETTERE SULLA MISSIONE IN AFGHANISTAN

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

RIFLETTERE SULLA MISSIONE IN AFGHANISTAN

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


 
Esprimo profondo cordoglio per la morte dei nostri due soldati, e condivido con l'opinione del Ministro Roberto Calderoli, dobbiamo verificare se questi sacrifici servono a qualcosa, e per farlo, dobbiamo tener conto che, fino ad oggi il numero dei nostri militari deceduti in Afghanistan sale a 24. Secondo me, se restiamo alla difensiva pur sapendo dove si trova Bin Laden e i Talebani, penso che i sacrifici non servano, ma se invece di stare alla difensiva si passa all'offensiva e cominciamo ad attaccare e circondare ai Talebani e riusciamo a uccidere o catturare ad Osama Bin Laden, allora sì, il sacrificio servirà a qualcosa, condivido con l'On. Bersani, quando chiede una riflessione da fare in Parlamento ed anche con l'On. Antonio Di Pietro, quando disse di ridiscutere la presenza, pertanto, è essenziale che queste cose si valutino in Parlamento, considerando che, la migliore difesa è un'operazione militare all'offensiva.
 
Mi dispiace quando il nostro Ministro della Difesa disse che c'è sempre un prezzo da pagare, e mi dispiace perché, purtroppo, a volte è vero, ma possiamo fare che questo prezzo non sia per niente, possiamo onorare questo prezzo, attaccando ai talebani, facendo operazioni militari all'offensiva cercandoli casa per casa e uccidendo o catturando ad Osama Bin Laden, è da tempo che, sappiamo dove si trovano (nelle montagne al confine tra l'Afghanistan e il Pakistan), sappiamo che lì si trova lo stesso Osama Bin Laden, sappiamo che da lì si muove sia verso il Pakistan e verso l'Afghanistan, sappiamo che da lì, pianificano gli attentati e i loro attacchi. Ebbene, allora mi domando, cosa aspettiamo per attaccarli, ucciderli o catturarli?
 
Forse in Parlamento ci si dovrà porre queste domande, e da lì dobbiamo coordinare con gli alleati un nuovo piano militare, un grande piano offensivo fino a eliminare la rete di Al Qaeda, altrimenti, i sacrifici non serviranno a niente.
 
Alberto Calle - Collaboratore di Sintesi Dialettica  ( Italia )
 
www.sintesidialettica.it/ChiSiamo.php

Invia commento comment Commenti (0 inviato)