Privacy Policy politicamentecorretto.com - Question time per far fronte alle esigenze d’organico della magistratura in Calabria

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Question time per far fronte alle esigenze d’organico della magistratura in Calabria

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Garavini (PD): “Siamo preoccupati perché la strategia del Governo non funziona”

“È chiaro che la strategia del Governo per far fronte alle esigenze d’organico della magistratura in Calabria non funziona: siamo molto preoccupati perché rispondendo al question time il ministro per i rapporti con il parlamento, Elio Vito, ha ammesso che la questione sarà valutata, cioè che ancora non è stata affrontata”. Lo ha detto Laura Garavini, capogruppo del Pd nella commissione Antimafia, prima firmataria dell’interrogazione insieme alla vicepresidente del Gruppo del Pd alla Camera, Rosa Calipari, e agli altri deputati Democratici della Calabria. “Il ministro”, aggiunge, “ha burocraticamente elencato i provvedimenti intrapresi per le sedi di Catanzaro, Lamezia e Vibo Valentia, sedi nelle quali, tuttavia, le esigenze di organico sono superiori a quelle previste. Inoltre, come ha ammesso il ministro, la strategia del Governo non funziona perché anche gli interventi presi per i cinque posti vacanti di Catanzaro, i quattro di Vibo Valentia e per il posto di Lamezia Terme non hanno portato ad una copertura delle sedi. Lo stesso vale per i lavoratori interinali che i quali è chiaro che non è stata ancor individuata nessuna soluzione. Dunque, il Governo fino ad oggi continua a sottovalutare, nonostante i recenti fatti di cronaca, la pericolosità di una delle più potenti organizzazioni criminali, la ‘ndrangheta, contro la quale non sono sufficienti i magistrati attuali: questo comporta che i processi contro i boss spesso non possono trovare la loro conclusione con la drammatica conseguenza di un elevatissimo rischio di impunità”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)