Privacy Policy politicamentecorretto.com - “Conoscere la Puglia: il Romanico”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

“Conoscere la Puglia: il Romanico”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Riuscito convegno del Lions Club Massafra-Mottola “Le Cripte” con concorso che ha coinvolto studenti di varie scuole


Aula Magna della Scuola di primo grado “Niccolò Andria” di Massafra (Taranto). Alunni, docenti, ospiti, autorità e relatori tutti in piedi. Hanno osservato un minuto di silenzio  per ricordare i due soldati italiani rimasti uccisi nei giorni scorsi in Afghanistan. E’ avvenuto prima dell’inizio del Convegno “Conoscere la Puglia: il Romanico” che ha coinvolto sullo stesso tema, in un concorso, oltre cento studenti, diversi dei quali premiati.
Coinvolgente “lezione”  della prof.ssa Rosanna Bianco, docente di Storia dell’Arte Medievale dell’Università di Bari, ha fatto conoscere uno spaccato della nostra storia attraverso un affascinante viaggio in tutta la Puglia sotto il segno dell'arte romanica, sviluppatasi a partire dal X secolo, fino all'affermazione dell'arte gotica che avvenne più tardi, verso la metà del XII secolo.
“Il Romanico Pugliese (ha precisato la relatrice) è stato un momento felicissimo in una serie di relazioni che legano, la Puglia all’Europa e, anche, all’oriente mediterraneo”.
Singole persone e gruppi (ha fra l’altro ricordato), per andare in Terra Santa, utilizzano come terra d’imbarco più favorevole la Puglia, dove si trovano le maggiori espressioni architettoniche del periodo romanico (non solo in architettura, ma anche in scultura e nell'arte del mosaico) sotto la spinta dei numerosi stimoli culturali derivanti dalle conquiste dei Normanni che si sovrapposero, durante il Medioevo, alle tradizioni greche, bizantine già preesistenti sul territorio.
Architettura romanica, particolarmente ecclesiastica, testimonianza molto importante, come tutti hanno potuto constatare attraverso la proiezione d’immagini, con le appropriate spiegazioni, di cattedrali famose per i caratteri architettonici e artistici e anche come luogo di culto. Iniziando proprio da Bari, dalla Basilica di San Nicola (iniziata nel 1087 e terminata verso la fine del XII secolo), e proseguendo con altri esempi, tra cui: cattedrale di Trani (conclusa verso la metà del XIII secolo), concattedrale di Ruvo di Puglia, la cattedrale di Troia, la cattedrale di Otranto (edificata sui resti di una domus romana, di un villaggio messapico e di un tempio paleocristiano), la concattedrale di Barletta (armoniosa commistione tra romanico e gotico),...
Ha introdotto la manifestazione Roberto Rescina, cerimoniere del Lions Club Massafra-Mottola “Le Cripte”. Lo stesso, invitando particolarmente gli alunni ad ascoltarli con particolare attenzione, ha dato lettura dei principi fondamentali del Codice dell’Etica Lionistica. Dopo il tradizionale tocco di campana, la parola è stata data al presidente prof. Luigi Convertino, coordinatore di questa seconda e nuova iniziativa (ne seguirà presto un’altra), organizzata sempre con la Scuola primaria di 1° grado “Niccolò Andria” (patrocinio del Comune e Consulta delle Associazioni), già promotori ed organizzatori della rassegna antologica d’arte visiva (aperta ancora al pubblico) dell’illustre concittadino Nicola Andreace.
Il prof. Convertino, ha precisato che questa nuova iniziativa, rapportata nelle scuole, è stata organizzata per far approfondire il Romanico Pugliese e dare un buon contributo ai ragazzi per far loro capire meglio la storia della nostra terra. Iniziativa che, come la precedente, è stata organizzata nell’ambito del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia “…perché vogliamo che in questo anniversario si possano sottolineare i motivi dell’unità, senza perdere la visione della specificità della nostra storia”.
Ancora prima, la prof.ssa Patrizia Capobianco, aveva detto che questa iniziativa offriva agli alunni l’opportunità di vivere una nuova esperienza di ascolto, di un ragionamento di quella che è una tipicità territoriale, il romanico pugliese, per ricreare quel senso di appartenenza, “…perché i ragazzi (la conoscenza è fondamentale) possano liberare la loro creatività, spontaneità, estro in una cultura solida”.
 Hanno portato i loro saluti il presidente della Consulta delle Associazioni Emmanuele La Tanza, l’officer distrettuale e il delegato di zona del Lions Club, rispettivamente Giuseppe Di Benedetto e Riccardo Lerva (quest’ultimo ha tratto le conclusioni) e Aldo Di Masi, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Massafra, che ha ben rappresentato la sempre attenta Amministrazione Comunale (ha precisato che il sindaco ed il vice sindaco erano impegnati a Roma in un altro appuntamento, anche questo riguardante la scuola). “E’ questa un’occasione di ulteriore crescita culturale della nostra comunità, un’occasione (ha continuato) per ricongiungere le tradizioni migliori della cultura pugliese, e massafrese in particolare, e da queste trarre le condizioni per uno sviluppo  migliore delle nuove generazioni.  E il fatto stesso che il Convegno sia stato portato avanti dalle scuole insieme alle associazioni (Lions Club e Consulta delle Associazioni) dimostra la grande sensibilità culturale della comunità massafrese”.
Dopo la consegna di fasci di fiori alla relatrice e alla dirigente scolastica, e ricordi lionistici anche ad altre personalità, si è svolta la cerimonia di premiazione degli alunni che hanno partecipato al concorso “Il Romanico Pugliese: alla scoperta della nostra storia”, coordinato dalla prof.ssa Irma Rospo, anche segretaria della commissione esaminatrice con presidente l’artista Nicola Andreace e membri Mina Castronovi (direttrice del Museo Civico) e  le prof.sse Mariella Leogrande e Carla Gallo. Le opere prescelte (messe anche in mostra), numerose per qualità e pregevoli per indubbia qualità, hanno soprattutto mostrato che i giovani studenti massafresi posseggono una solida coscienza civica e una evidente e forte passione per la loro terra. Oltre alla consegna di una targa alle scuole partecipanti, sono stati assegnati premi a diversi studenti tra gli applausi di tutti (presenti, tra gli altri, per l’Istituto d’Arte “Calò” il referente dirigente scolastico prof. Giacomo Palagiano e i docenti proff. Cosimo Rubino e Cosima Caponio; per la scuola “Manzoni” la docente prof.ssa Giovanna Giannotta, per il Liceo la prof.ssa Grazia De Mita e diversi docenti per la Scuola “Andria”).
Per la categoria “Giovani” sono state premiate le opere della V^ A dell’Istituto d’Arte “Calò”  per la sezione “Opere grafiche” (Motivazione: “L’opera presenta  una straordinaria ricercatezza nel  gioco architettonico della composizione. Molto elegante e piacevole l’armonia dei colori. Sicuro il tratto che delinea la struttura dell’edificio sacro. Estremamente curata l’impaginazione dei particolari nel complesso) e sezione “Lavori storici” (Motivazione: “La  ricerca  rivela l’approfondimento attento dell’ARTE romanica; l’andamento dell’elaborato si snoda con rigore critico ed offre  nel complesso un  supporto importante per comprendere anche la interpretazione grafica della  cattedrale di Troia. “); segnalato il lavoro delle studentesse Gabriella Grassi, Gabriella Mastrangelo, Federica Giovinazzi e Giulia D’Errico della 3^ E del Liceo “De Ruggieri (“Opere di grafica” – Motivazione: “L’opera presenta una notevole sicurezza di disegno; risulta sempre appropriata la scelta dei colori; evidente la sensibilità artistica degli autori); premio ex-aequo per i lavori di fotografia a Giusy Cimurro e Alessia Montemurro della 3^ E del Liceo “De Ruggieri” (Motivazione: “Le foto presentate mettono in luce  dettagli significativi  di una lettura matura dell’arte romanica. Le immagini vengono offerte con una suggestiva chiarezza. La interpretazione dei particolari rimanda immediatamente all’insieme in virtù di una forte capacità rielaborativi) e, per la qualità delle immagini, alla studentessa Antonella Meo della stessa classe liceale. Per la sezione “Adolescenti”, il premio è stato attribuito ad Andrea Mincolla della 3^ G della Scuola primaria di 1° grado “Manzoni” (Motivazione: “Molto significativa è la sintesi del segno; elegante risulta  la rarefazione dei colori, che raggiungono toni di suggestivo surrealismo”) e segnalato il di lavoro di Giuseppe Castiello della 2^ B del Liceo “De Ruggieri”, ambedue per la sezione “Opere grafiche (Motivazione: “Apprezzabile la sensibilità estetica che emerge nei particolari dell’opera. Buona la composizione complessiva dell’insieme che risponde a criteri di ordine e di armonia”); premiato il lavoro presentato da quattro studenti della 2^ D del Liceo “De Ruggieri”: Stefano Desiati, Simona Ricci, Giuseppe Notarnicola e Fabrizio Grassi per la sez. “Lavori storici”  (Motivazione: “La ricostruzione storica presentata è frutto di una ricerca accurata, in grado di cogliere i tratti salienti e specifici  del Romanico Pugliese. Emerge un’apprezzabile  sensibilità estetica, arricchita anche dalla completezza dell’indagine artistica) e quello presentato per la sezione “Lavori in fotografia” dalla 3^ H della Scuola primaria di 1° grado “Andria” (Motivazione: “la classe ha sviluppato il lavoro concentrando la sua attenzione su una  Chiesa della nostra provincia , San Domenico di Taranto. Ha presentato 14 foto  raccolte in unica composizione a significare l’attenzione per i particolari, senza trascurare la visione dell’insieme che nasce dalla lettura dei dettagli colti con apprezzabile sensibilità critica).
I premi sono stati consegnati grazie in particolare alla disponibilità degli sponsor UGF (Assicurazioni divisione Aurora di Pierluigi Mastrangelo), Banca di Credito Cooperativo di Massafra e Luigi Pizzutilo.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)