Privacy Policy politicamentecorretto.com - Abusivismo edilizio. I condoni in Campania, la camorra ringrazia!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Abusivismo edilizio. I condoni in Campania, la camorra ringrazia!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della sen. Donatella Poretti, Radicali/Pd

L'incredibile decreto del Governo (AS 2144) che in ossequio alle promesse elettorali sospende per un anno le demolizioni degli edifici abusivi in Campania, questa settimana sara' esaminato dal Senato e rischia di aprire ulteriormente le maglie e di riaprire di fatto i termini del condono del 2003, sanando a questo punto abusi compiuti anche successivamente, visto che e' impossibile sapere la data effettiva di un abuso!
E' ancora più incredibile che questo avvenga in Campania, dove secondo le stime di Legambiente, sono circa 60mila le case abusive costruite negli ultimi 10 anni, con una media di 6mila all’anno, 500 al mese e 16 ogni giorno.
La Procura generale parla di oltre 30mila abitazioni abusive, concentrate soprattutto nell’area di Napoli e provincia, altre 30mila sono le sentenze che dovranno essere eseguite dalla Procura. Anche di questo vive e si nutre la criminalita' organizzata e la camorra in particolare.
Molte di queste sono costruite sulle pendici del Vesuvio, altre lungo le direttrici individuate dalla Protezione Civile nei piani di evacuazione in caso di eruzione vulcanica.
L'occasione al Senato sara' comunque utile per riparlare della vicenda dell'Ospedale del Mare costruito a 8 km dal centro eruttivo dal Vesuvio, attualmente nella cosiddetta zona gialla di pericolosità vulcanica -a pericolosità differita, in gergo tecnico, da evacuare in caso di eruzione- e a soli 100 metri dalla zona rossa, chiedendo al Governo di rivalutare la pericolosita'. Su questo, col senatore Marco Perduca, ho presentato un ordine del giorno (1).
Comunque sia il messaggio politico e culturale del decreto e' devastante, a nulla sono serviti gli ultimi disastri e le lacrime di coccodrillo quando crollano edifici o ci sono dissesti idrogeologici che potevano essere evitati.
Per parte nostra preferiamo ricordare il messaggio opposto che lancio' Marco Pannella da presidente della circoscrizione di Ostia e le ruspe inviate nei quartieri abusivi!

(1) http://blog.donatellaporetti.it/?p=1447

Invia commento comment Commenti (0 inviato)