Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini alla manifestazione europea indetta dal Cgie

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini alla manifestazione europea indetta dal Cgie

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Basta colpire gli italiani all’estero”

 

“Straordinaria la partecipazione della comunità italiana in Europa alla manifestazione di protesta del CGIE per fare sentire in modo massiccio l’indignazione degli italiani all’estero davanti all’ennesimo duro colpo della maggioranza: la conferma delle preannunciate chiusure dei consolati e il rinvio delle elezioni per Comites e Cgie.” Questo il giudizio di Laura Garavini, scesa al fianco dei circa 500 connazionali giunti da tutta Europa per protestare contro la politica della maggioranza nei confronti degli italiani all’estero.

 

“È importante che a sfilare oggi ci siano anche tanti giovani, quei ragazzi bilingue che per primi conoscono il valore dei finanziamenti volti ad organizzare corsi di lingua e cultura o finalizzati a promuovere l’integrazione degli italiani nei rispettivi Paesi di residenza. Da parte mia e di tutto il Pd,” ha proseguito la Garavini, “pieno sostegno al Cgie, che con la forza di questa imponente manifestazione chiede al Governo tre richieste prioritarie per gli italiani residenti all’estero.”

 

“Non è una protesta CONTRO, ma è una protesta PER.” ha sostenuto il Segretario generale del Cgie, Elio Carozza che ha proseguito dicendo “Il Cgie chiede al Governo risposte concrete su almeno tre questioni: lingua e cultura italiana, servizi della rete consolare e politiche specifiche per i giovani italiani residenti all’estero. Non è possibile,” ha concluso Carozza “che sugli italiani nel mondo continuino ad abbattersi solo tagli e penalizzazioni.”

 

“Se il tricolore va in giro per l’Europa” ha denunciato un manifestante proveniente da Lörrach, “siamo noi italiani all’estero che lo portiamo in giro. Il nostro Governo dovrebbe essere orgoglioso di noi italiani nel mondo.”

 

Alla manifestazione hanno preso parte, oltre ai componenti del Cgie, anche i presidenti Comites di tutta Europa e di variegate realtà associazionistiche e sindacali. Hanno partecipato anche rappresentanti dei diversi circoli del Pd in Europa. Dalla Germania si sono mobilitate tra gli altri delegazioni dei circoli di Amburgo, Aschaffenburg, Berlino, Hannover, Lörrach, Mannheim, Metzingen, Saarbrücken, Stoccarda, Villingen e Wolfsburg.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 02 Giugno, 2010 07:39:53
    Insomma , una riunione in famiglia e la fattura la pagano gli italiani che si sentono dire, non ci sono soldi.Il Governo a tagliato ( per voi che non appartenete alla casta,mentre per noi e diverso).Le spese dei presidenti Comites vanno scritte sul capitolato Nr.???? mentre quelle del ristorante sul Nr.????.