Privacy Policy politicamentecorretto.com - Si è conclusa la settima edizione della rassegna teatrale “Sognare… forse 2010”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Si è conclusa la settima edizione della rassegna teatrale “Sognare… forse 2010”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


Si è conclusa lo scorso 30 maggio la settima edizione della rassegna teatrale “Sognare…forse 2010” (sezione “Teatro famiglia”, dedicata a grandi e piccini. E’ stata organizzata con successo dalla Cooperativa “Teatro Le Forche”, con il sostegno dell’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Massafra.
Gran successo con la Compagnia teatrale “Granteatrino” di Bari, che ha portato in scena lo spettacolo di pupazzi, burattini e attori “Inboccalupo?!” con Anna Chiara Castellano Visaggi, Marianna Di Muro ed Enrico Castellaneta.
Burattini di Lucrezia Tritone, scene di Manuela Trimboli, musiche originali di Enzo Cardone, regia di Paolo Comentale.
All’inizio dello spettacolo è stato detto: «C’era una volta una dolce bimbetta chiamata Cappuccetto Rosso… Certo tutti noi conosciamo la celebre favola… ma cosa succederebbe se la piccola fosse figlia unica di una giovane attrice e vivesse in un teatro in cui gioca a recitare  e a raccontare della sua vita fantastica e piena di meraviglie? Cosa accadrebbe se la stanca nonnina fosse una cantante lirica da tempo a riposo? È da questa idea che nasce il “nostro” Cappuccetto Rosso che vive nella dimensione profonda e incantata del teatro senza però abbandonare il fascino della tradizione fiabesca. Ma diamo inizio allo spettacolo…e inboccalupo?!». 
www.teatroleforche.com.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)