Privacy Policy politicamentecorretto.com - Fisco e prostituzione, accertamenti esattoriali, tasse e diritti negati. Lo Stato ipocrita o magnaccia?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Fisco e prostituzione, accertamenti esattoriali, tasse e diritti negati. Lo Stato ipocrita o magnaccia?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

L'ipocrisia in materia di prostituzione tocca punti grotteschi. L'attivita' non viene riconosciuta dallo Stato, ma lo stesso chiede tramite l'Agenzia delle Entrate che i proventi siano assoggettati al fisco. L'ultima sentenza 109/10/10 della Commissione tributaria del Lazio depositata lo scorso 3 maggio: i guadagni di una prostituta che non riesce a dimostrare che gli stessi siano dovuti ad attivita' illecita sono assoggettati al Fisco (1).
Ma come farebbe una prostituta a dimostrarlo se l'attivita' e' illecita? Lo Stato rischia di essere paragonabile ad uno sfruttatore perche’ ‘esige’ o ‘estorce’ balzelli dai proventi della prostituzione, attivita’ che non riconosce.
Di fronte alle richieste dello Stato alle prostitute di pagare le tasse sulla loro attivita’, diventa ancora piu’ urgente varare una legge su un ambito lasciato senza alcuna regolamentazione, tanto urgente da avere depositato gia’ dal primo giorno della legislatura, un disegno di legge in materia con il senatore Marco Perduca (2). Un ddl in tre articoli per il riconoscimento dell’attivita’ di ‘prestazione di servizi sessuali remunerati tra persone maggiorenni consenzienti’. Due i regolamenti previsti, uno per i controlli igienico e sanitari, l’altro per il fisco. E proprio sulle richieste di tasse alle prostitute abbiamo depositato una interrogazione parlamentare che da oltre due anni aspetta una risposta in cui si chiede al Governo una ‘interpretazione uniforme’ alla quale l’Agenzia delle Entrate si attenga per il trattamento fiscale dei redditi derivanti dalla prostituzione (3). Questo sempre in attesa di una legge che ponga fine all’attuale situazio
 ne di
incertezza, ma che provoca anche lo sfruttamento di tante donne. Nel luglio del 2008 al Senato abbiamo organizzato un incontro per illustrare una serie di cartelle inviate a prostitute (4) disponibili a pagare le tasse, a fronte di un riconoscimento della loro attivita'!

(1) http://www.aduc.it/notizia/prostitute+tasse+si+pagano+se+non+si+dimostra_118316.php
(2) http://blog.donatellaporetti.it/?p=86
(3) http://blog.donatellaporetti.it/?p=170
(4) http://www.radioradicale.it/scheda/258555/prostituzione-e-fisco

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)