Privacy Policy politicamentecorretto.com - Calabria, falsa partenza in sanità

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Calabria, falsa partenza in sanità

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

On. Laratta (Pd) sulle nomine alle Asp della Calabria: “Scopelliti sbaglia con le nomine politiche nella Sanità. Ero contrario quando lo faceva Loiero, lo sono ancora di più adesso!”


Inizia veramente male il nuovo corso delle nomine in sanità. Il presidente Scopelliti aveva promesso nome frutto di competenza, terzietà dalla politica ed innovazione. E su questa ha fatto e vinto una campagna elettorale.
Si riscontra, invece, nella nomina del Commissario dell’ASP 5, tutto il contrario: una dirigente senza curriculum in sanità, che aveva ricevuto incarichi nell’era Chiaravalloti e poi più nulla. La cosa che, però, sinceramente delude ed è ancora più grave, è che Scopelliti abbia scelto una persona che ha una chiara appartenenza politica. La neo-nominata Commissaria è stata infatti sindaco di Montauro per Forza Italia, ed è ancora consigliere comunale!
Prima di questa nomina c’era da chiedersi se le dichiarazioni rivoluzionarie circa i criteri di scelta dei manager appartenessero allo Scopelliti presidente o anche allo Scopelliti segretario regionale del pdl. Oggi ogni dubbio è fugato e si comprendono i requisiti dei futuri manager: appartenenza all’era Chiaravalloti e militanza forzista.
Per la competenza e la specializzazione….c’è tempo!
Nel recente passato ho criticato alcune nomine fatte dall’ex presidente Loiero- che è del mio stesso partito- proprio in relazione alle  Aziende sanitarie.  Ho sempre sostenuto la necessità che la politica si allontanasse dalla gestione della Sanità. Soprattutto in Calabria. Tanto che ho consegnato al gruppo regionale del Pd una mia Proposta di Legge per separare nettamente la Politica dalla Sanità, la programmazione dalla gestione.  Il che vuol dire: basta con i manager scelti tra gli amici dal Governatore e dall’assessore di turno. Ho proposto la netta separazione dalla programmazione (che spetta alla giunta e al consiglio regionale) dalla gestione (che dovrebbe essere affidata ad una Agenzia autonoma e indipendente, che gestisce il Piano sanitario regionale). Ma allora il centro-sinistra e il mio partito non si mostrarono particolarmente sensibili ad una scelta così drastica!
Avevo per un attimo creduto alle affermazioni pubbliche- in campagna elettorale- del presidente Scopelliti. Ma, a quanto pare, si trattava di affermazioni elettorali!  Si ricomincia, nella Sanità, con le nomine che sono frutto di appartenenza, prima che di competenza. Un errore gravissimo che macchia questo inizio di governo del Presidente Scopelliti.


Invia commento comment Commenti (0 inviato)