Privacy Policy politicamentecorretto.com - Rivedere il meccanismo dell'8 per mille alle confessioni religiose, mezzo miliardo di nuove entrate per lo Stato

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Rivedere il meccanismo dell'8 per mille alle confessioni religiose, mezzo miliardo di nuove entrate per lo Stato

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


Intervento della sen. Donatella Poretti, Radicali/Pd

La revisione del meccanismo dell'otto per mille del gettito Irpef, almeno nella parte piu' perversa, ossia quella della ridistribuzione delle scelte non espresse, produrrebbe nuove entrate per le casse dello Stato di oltre mezzo miliardo di euro all'anno.
In occasione della manovra economica ho presentato col senatore Marco Perduca un ordine del giorno (essendo impossibile intervenire direttamente in materia con iniziativa parlamentare) chiedendo al Governo per quanto di sua competenza di rivedere il meccanismo.
I contribuenti che annualmente in sede di dichiarazione dei redditi esprimono la loro preferenza a questa o quell'altra confessione religiosa, sono circa il 40 per cento del totale. Un esempio: nel 2008 l'ammontare dell'otto per mille è stato di euro 948.583.048,73. Le scelte espresse sono state pari al 41,83% del totale dei contribuenti. Col meccanismo attuale (terzo comma art.47 legge 222/1985)  tutta la cifra a disposizione è stata distribuita in due battute: prima il 41,83% (pari a euro 396.792.289,28) a tutti i beneficiari secondo l'indice di gradimento dei firmatari, e poi il restante 58,17% (pari a euro 551.790.759,45), sempre secondo l'indice di gradimento dei firmatari, ma questa volta solo a coloro che hanno accettato la quota non espressa (tutti meno le ADI-Assemblee di Dio in Italia e i Valdesi).
Se venisse rivista la formula attuale sulla ripartizione delle scelte non espresse, lo Stato avrebbe reintroitato quei quasi 552 milioni di euro (il 51,87% pari alle preferenze non espresse).

Con l'odg chiediamo al Governo di impegnarsi:
- a pubblicizzare i lavori della commissione paritetica istituita dall'art. 49, i componenti e le eventuali proposte di modifiche che sono state presentate;
- per quanto di sua competenza, e tramite i componenti di nomina governativa, a verificare l'opportunita' della revisione del meccanismo della ripartizione delle scelte non espresse.

Qui il testo completo dell'ordine del giorno: http://blog.donatellaporetti.it/?p=1517

Invia commento comment Commenti (0 inviato)