Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD) commenta la risposta del MAE all’interrogazione sulla convenzione con i patronati

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD) commenta la risposta del MAE all’interrogazione sulla convenzione con i patronati

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

“Il Governo si tira indietro, sempre più lontano l’accordo per rendere i servizi più accessibili”

 

“Servizi meno burocratici, ma più efficaci e più vicini alla gente? Per le comunità all’estero è un sogno - e resterà tale, a giudicare dalla posizione del Governo sulla convenzione-quadro tra patronati e Farnesina”. Lo dice con amarezza la deputata democratica Laura Garavini, prima firmataria di un’interrogazione nella quale si sollecita il Ministero degli affari esteri a “disporre l’immediata firma” dell’accordo che prevede di affiancare i patronati ai consolati nell’erogazione di tutta una serie di servizi ai cittadini.

 

“Dopo un anno di attesa apprendiamo che le priorità dell’esecutivo sono ben altre, a cominciare dalla razionalizzazione e dall’informatizzazione della rete consolare. Nel frattempo, la convenzione-quadro, da anni pronta a tutti gli effetti per entrare in vigore, viene licenziata come una mera ‘ipotesi’ da sottoporre a ulteriori verifiche, come se non si avesse avuto abbastanza tempo per fare tutti gli accertamenti opportuni”, commenta la Garavini. “Ad uscirne sconfitti sono ancora una volta i nostri connazionali residenti all’estero, che così vengono penalizzati doppiamente”.

 

“La risposta del Governo, infatti”, ribadisce la parlamentare, “delude le aspettative di tutti coloro che, dopo la chiusura di diversi consolati in Europa e nel mondo, speravano in un rafforzamento delle competenze degli enti assistenziali capace non solo di assorbire le difficoltà della rete consolare, ma anche di rendere più accessibili, più celeri e meni burocratici i servizi di maggiore interesse per le nostre comunità”.

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 22 Giugno, 2010 12:03:10
    Nell´articolo ha dimenticato di dire a-servizi a pagamento, quindi dove é il risparmio ?Se ci fossero soldi sarebbe piu opportuno assumere persone del posto che alimentare la pappatoia dei sindacati.Se poi la carissima onorevola e con l´amro in bocca , gli consiglierei di prendere un cubetto di zucchero.