Privacy Policy politicamentecorretto.com - CERIGNOLA (FG), PON SICUREZZA: LE REGOLE CONDIVISE COME SEME DELLA LEGALITA'

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CERIGNOLA (FG), PON SICUREZZA: LE REGOLE CONDIVISE COME SEME DELLA LEGALITA'

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


 
Curare la formazione civile e democratica degli adulti di oggi e di
domani e contrastare così l'illegalità aumentando la percezione di
sicurezza. Nel Comune di Cerignola, in provincia di Foggia, gli
studenti degli istituti  “Zingarelli” e “Dante Alighieri”, hanno
partecipato con quest’obiettivo al Programma Operativo Nazionale
Sicurezza per lo Sviluppo – Obiettivo Convergenza 2007-2013, che
coinvolge Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.
 Con il loro progetto “Regolar...mente” hanno ottenuto un
finanziamento di 98.533 euro per la realizzazione di due emeroteche in
altrettanti edifici scolastici.
I fondi del PON Sicurezza, Programma del Ministero dell’Interno,
cofinanziato dall’Unione Europea,  in questo caso sono stati destinati
a un progetto presentato dalle scuole che hanno aderito a "La legalità
è partecipazione: I giovani del sud incontrano il PON Sicurezza".
I ragazzi hanno pensato ad ambienti accoglienti dove leggere giornali
e riviste, vedere film, organizzare incontri e dibattiti, ascoltare
musica. Non solo “luoghi fisici”, ma ambienti, dove poter sperimentare
forme di conoscenza e sviluppare il senso dell'appartenenza sociale.
Un bisogno di cultura civica, e di regole condivise, insomma, che i
ragazzi sentono fortemente. Nei due edifici scolastici verranno così
ristrutturati quattro locali per ricavarne una sala conferenze, una
sala lettura, un'aula didattica e una biblioteca.
Diventeranno spazi di pubblica utilità, aperti a tutti, nel pieno
rispetto dell'obiettivo operativo 2.8 “Diffondere la cultura della
legalità” in cui rientra il progetto. Come ci ha reso noto la collega
Debora Piccolo, la professoressa Teodora Vasciaveo, che ha guidato i
ragazzi nell'intero percorso, ha evidenziato che “La voglia dei
giovani di farsi promotori del cambiamento è la risposta più grande al
bisogno di legalità del nostro territorio”. (N.B,)

Invia commento comment Commenti (0 inviato)