Privacy Policy politicamentecorretto.com - PON SICUREZZA: AL SUD CAPITANERIE ‘IN RETE’ CONTRO L'ILLEGALITA'

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PON SICUREZZA: AL SUD CAPITANERIE ‘IN RETE’ CONTRO L'ILLEGALITA'

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


 


Presto le Capitanerie di Porto di Napoli, Bari, Reggio Calabria, Palermo e Catania potranno usufruire di un sistema informatico unitario per gestire informazioni e dati allo scopo di ottimizzare le attività di prevenzione e controllo dell’illegalità nei porti. Il progetto, presentato dal Comando generale delle Capitanerie di Porto del Ministero dei Trasporti, ha ricevuto il via libera nell’ambito del PON Sicurezza, il Programma realizzato dal Ministero dell’Interno-Dipartimento Pubblica Sicurezza e cofinanziato dall’Unione Europea. 
Le Capitanerie di Porto svolgono un'importante azione a garanzia della sicurezza marittima con attività operative di vigilanza dei porti e delle coste nazionali, ad esempio nel settore dell’immigrazione clandestina, del trasporto via mare di rifiuti e materiali pericolosi, del traffico di sostanze stupefacenti. Nell'ambito di queste attività, fondamentale diventa lo scambio di dati e informazioni sia fra i Comandi del Corpo sia con le altre Forze dell'ordine.
Il sistema informatico unitario, che verrà realizzato con un finanziamento complessivo  di  3.387.960 euro,  rientra nell’Obiettivo operativo 1.2 ‘Garantire il libero e sicuro utilizzo delle vie di comunicazione (di natura infrastrutturale e telematica) e prevede la messa in opera di un server e di una rete telematica. Questi strumenti faciliteranno l'interscambio di dati ottimizzando le attività di sorveglianza, di contrasto al crimine e di analisi strategica. 
Nel sistema verranno inserite informazioni su notizie di reato, ispezioni sul territorio, controllo e individuazione di persone, ecc... Il progetto partirà dalla Campania per estendersi progressivamente a Calabria, Sicilia e Puglia.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)